Verruche nei gatti, tutte le cause e le cure a nostra disposizione

La salute del nostro amico a quattro zampe è prioritaria, anche le verruche nei gatti devono essere trattate per alleviare le sue sofferenze

gatto alza la zampa

Le verruche nei gatti si manifestano con una certa regolarità. Forse non siamo stati attenti o non ci abbiamo fatto caso, ma non ci sarebbe nulla di strano se il nostro veterinario di fiducia ne scoprisse qualcuna alla prossima visita di routine.

A tal proposito, vale la pena ricordare che i controlli periodici sono importanti in un’ottica di prevenzione. Così come lo sono i richiami dei vaccini e l’applicazione regolare dell’antiparassitario. Se ci è possibile affidiamoci sempre allo stesso specialista, in maniera tale che Miao sia seguito da qualcuno che ha memoria di eventuali pregressi clinici e li può confrontare anche valutando le caratteristiche di razza.

Uno sguardo di insieme

gatto con sguardo intenso

Le verruche nei gatti non sono altro che tumori benigni superficiali. Di norma non sono gravi e non c’è da preoccuparsi, se non dell’eventuale rimozione qualora ci venisse raccomandata perché magari sono in un punto che può infastidire la nostra palla di pelo.

Tra le complicazioni che si possono presentare, infatti, c’è la fuoriuscita di sangue. In ogni caso, è altamente consigliato che a visionarle sia lo specialista, così che possa arrivare a formulare una diagnosi accurata e stabilire la cura più adeguata per la risoluzione del problema. Il nostro obiettivo è sempre quello di provare a fare un po’ di chiarezza su un argomento il più delle volte sconosciuto o sul quale circolano falsi miti.

L’aspetto delle verruche

Con tumore si intende qualsiasi tipo di nodulo, che sia maligno o benigno a volte lo si sa già oppure sono necessari degli esami istologici mirati. Nel caso dell’oggetto della nostra analisi, possiamo considerarli di quelli buoni e che non vanno in profondità: a essere intaccata è solo la cute.

Le verruche nascono a causa di un virus – il cosiddetto papilloma del gatto – che può colpire soggetti che, per qualche motivo, si ritrovano un sistema immunitario indebolito. Ecco allora che queste neoformazioni innocue ci dicono qualcosa di più importante, che ci sono delle malattie di cui soffre il nostro amico a quattro zampe e di cui noi forse non siamo a conoscenza.

Gli esemplari maggiormente a rischio sono i cuccioli, perché ancora non hanno completato lo sviluppo di tutte le loro difese, e i cani anziani, che cominciano ad avere una disfunzione dovuta proprio all’età. Una buona notizia c’è, anzi due: non sono dolorose e si riconoscono facilmente perché somigliano a un cavolfiore.

La nostra palla di pelo potrebbe dover avere a che fare con altri tipi di tumori benigni che hanno un aspetto simile e un’origine virale.

Sono contagiose?

intervento al gatto

Le verruche nei gatti possono essere trasmesse ad altri amici a quattro zampe della stessa specie. Questo accade se sono il frutto della presenza di un virus. In ogni caso non c’è il pericolo che possiamo essere coinvolti noi direttamente, se non per le cure a cui dobbiamo sottoporre Miao.

Dunque, se la causa è il papilloma del gatto, evitiamo dei contatti con altri felini prima che non sia scomparsa completamente e che il nostro veterinario di fiducia non abbia fatto una visita di controllo.

L’adenoma sebaceo

Spesso succede che le neoformazioni possano essere confuse. Succede, per esempio, con l’adenoma sebaceo: un bozzo non virale, ma che somiglia a una verruca. Di solito compare sulle palpebre o in corrispondenza delle estremità dell’esemplare un po’ avanti con l’età. Come ci suggerisce il nome, si tratta di ghiandole cutanee che producono grasso.
In genere, non misurano più di 2,5 centimetri e c’è il rischio che sanguinino o che si crei un’ulcera. A differenza delle verruche, queste possono diventare maligne, e quindi essere un pericolo per il nostro fedele amico.

Il carcinoma a cellule squamose

Le verruche nei gatti somigliano anche al carcinoma a cellule squamose. Si tratta di un tumore che si viene a creare a seguito di un’eccessiva o poco controllata esposizione ai raggi del sole. Sì, perché anche la pelle del nostro adorato Miao deve essere protetta, soprattutto nelle giornate di mare o se il nostro peloso è libero di vivere in giardino.

Si manifesta nelle zone del corpo con meno pigmentazione, quindi soprattutto nell’addome o nello scroto del gatto. Però, è importante sapere che ce n’è un tipo che prende l’aspetto della verruca: ha le sembianze di un cavolfiore.

Quindi è sempre importante fissare una visita dal proprio veterinario di fiducia per scongiurare il peggio o, eventualmente, intervenire tempestivamente e salvare la vita della nostra piccola palla di pelo.

Un aspetto a cui dobbiamo fare attenzione è, se per caso, il gatto si lecca con insistenza. Quando si tratta di una neoformazione maligna che attacca le cellule vicine, Miao si comporta così. A essere in pericolo sono anche le ghiandole linfatiche e i polmoni del felino in questione

Il tumore venereo trasmissibile

gatto si lecca

Questa neoformazione può somigliare a delle verruche genitali nei gatti. Può colpire sia le femminucce che i maschietti. Inoltre le cellule di queste verruche si possono trasmettere ad altri esemplari durante l’accoppiamento, ma anche con delle semplici leccate, con dei morsi o dei graffi.

Nella nostra amica a quattro zampe si formano nella vagina o nella vulva, nei maschietti a essere colpito è il pene. In entrambi possono spuntare sul muso, sul naso, sulla bocca e in corrispondenza delle estremità del corpo. Anche se non succede spesso, per fortuna, questo tipo di neoformazione può moltiplicarsi e creare delle metastasi.

Il papilloma cutaneo

Interessa la bocca e le labbra della nostra piccola palla di pelo ed è causato dal virus del papilloma. Lo si riscontra negli esemplari giovani, con meno di due anni di vita. Inizialmente si manifesta sottoforma di protuberanza rosa, ma poi diventa più grande e grigiastro.

In questo caso, quando il veterinario ha appurato di che si tratta, non dobbiamo fare nulla: cade e guarisce da solo. Questo virus può manifestarsi anche in altre parti del corpo e soprattutto sulla pelle dei cani anziani.

Possibili terapie e trattamenti

gatto dal veterinario

Per prima cosa lo specialista – una volta giunto alla diagnosi – dovrà accertarsi che il tumore benigno non inizi a sanguinare o mutare nel colore. Che le verruche nei gatti aumentino di dimensione è normale, ma il tutto deve avvenire entro un certo limite.

Nessun trattamento particolare è previsto in casi del genere, a meno che non diano fastidio alla nostra piccola palla di pelo per qualche ragione. Giusto per fare esempio esplicativo, se Miao ha una verruca sul dorso, non interferisce sulla sua vita di tutti i giorni, a meno che non sia in corrispondenza di dove passa spesso il guinzaglio.

Le verruche, se sono sul naso, possono creare problemi quando il felino è impegnato a mangiare, a tal punto da iniziare a sanguinare. Può succedere che siano nere perché, dove si è grattato Miao, esce sangue e si crea una crosta nera. In questo caso, sentiamo lo specialista per scongiurare un’infezione.

Se il veterinario la ritiene opportuna, la rimozione avviene attraverso un intervento chirurgico; altrimenti sarà sufficiente rafforzare il sistema immunitario per evitare che il virus colpisca ancora. A incidere positivamente è una dieta sana e bilanciata, di alta qualità. A prescindere che si opti per una dieta naturale o industriale. Lo stile di vita, poi, è fondamentale: cerchiamo di tenere Miao lontano da inutili ansie o stress. A tal proposito, potrebbe tornare utile sapere come trattare l’ansia nel gatto.