4 consigli per presentare un neonato al gatto

Conoscere questi consigli è di fondamentale importanza al fine di evitare reazioni spiacevoli da parte del gatto

Lo abbiamo detto tantissime volte e non ci stancheremo di dirlo: bambini ed animali rappresentano l’accoppiata perfetta. Ci sono però delle accortezze da conoscere e seguire prima di presentare un neonato al gatto. Queste mirano al fine di evitare reazioni inattese e poco piacevoli da parte del felino.

Esse sono per l’esattezza quattro e te le descriveremo qui nelle righe che seguono una ad una. Presta quindi molta attenzione a ciò che abbiamo da dirti!

Riproduci il pianto di un bambino in casa prima del suo arrivo

L’udito dei nostri amici a quattro zampe è estremamente sensibile e pertanto suoni molto forti come il pianto di un bambino possono spaventarli se questi non ci sono abituati. Per questo, anche se potrebbe sembrare a primo impatto poco utile, riprodurre il pianto di un neonato in casa (a volumi moderati ovviamente) prima del suo arrivo aiuterà sicuramente il felino ad abituarsi a questo suono.

micio divano

Fagli conoscere gli odori tipici

Di quali odori parliamo esattamente? Così come per l’udito, devi sapere che anche l’olfatto dei mici è super sviluppato e perciò esso può percepire anche fragranze che per noi sono invece impercettibili. Di conseguenza, anche tramite l’odore i gatti possono “conoscere” cose e persone, tra cui anche bambini. Sempre prima dell’arrivo del piccolo in casa, quindi, permetti al felino di annusare prodotti per la pulizia come il borotalco ed oggetti o vestiti che appartengono a lui e che quindi portano il suo odore.

Fai cambiamenti graduali in casa

I cambiamenti bruschi ed inaspettati che magari per noi sono poco influenti sono, invece, per il gatto motivo di ansie e stress. Pertanto, tutti gli stravolgimenti che andrai a fare in casa anche prima della nascita del piccolo (ad esempio allestire la cameretta) devono avvenire in maniera graduale.

felino tigrato

Impara il linguaggio del corpo

Una volta che andrai a presentare “dal vivo” il bebè al tuo micio, sappi che è fondamentale (non solo in questo ma tanti altri casi) conoscere il linguaggio del corpo felino per capire se il gatto è a disagio o sta provando qualsiasi altro tipo di emozione.

Leggi anche: 3 consigli per prendersi cura al meglio di un gatto cieco

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati