Gattino che non cammina trova una mamma adottiva

Gattino che non cammina trova una mamma adottiva per esplorare il mondo; una cagnolina lo assiste in tutto il suo percorso di crescita.

gattino-che-non-cammina-trova-una-mamma-adottiva

Questa è la storia di un gattino che non cammina di nome HarPURR, che nella sofferenza, ha trovato l’amore degli uomini, ma soprattutto l’amore di una mamma adottiva che gli ha insegnato a non arrendersi mai.

Una famiglia dell’Alaska trovò un gattino di appena tre settimane che non riusciva ad utilizzare le zampe posteriori. Contattarono quindi due associazioni: la Tundra Cat Rehabilitation and Adoption e l’Alaska Cat Adoption Team, affinché potessero aiutare questo gattino. Il gattino fu chiamato HarPURR. Oltre alla paralisi che gli aveva colpito la parte posteriore del corpo, esso non era in grado di nutrirsi da solo.

gattino-piccolo-con-coperta

Grazie al costante lavoro dei volontari, il gattino HarPURR riuscì a sopravvivere e colui che ne divenne il proprietario, Shannon, decise di affidarlo alla sua cagnolina Cinder, con la speranza che lei diventasse un punto di riferimento per HarPurr. Cinder era una cagnolina che era vissuta per molto tempo nei boschi e aveva avuto diverse cucciolate. Si mostrò fin da subito amorevole e materna nei confronti del gattino. Quando divenne un po’ più grande, il proprietario gli comprò un carrellino. Questo doveva essere applicato, come ausilio, alle zampe posteriori, per permettergli di esplorare il mondo in libertà.

gattino-che-guarda

Dopo ogni tentativo di HarPURR di familiarizzare con il carrellino, Cinder lo leccava alle gambe e sembrava che volesse trasmettergli forza e amore per vincere questa sfida. HarPURR da parte sua la riempiva di fusa e giocava con lei.

gattino-con-cane

Oggi HarPURR ha sei mesi, il legame con la cagnolina Cinder è sempre più forte e riesce ad esplorare il mondo grazie all’ausilio di Cinder e del carrellino. La sua curiosità, la sua forza, la tenacia e l’amore di mamma Cinder, hanno fatto si che HarPURR viva e si comporti come un gatto sano e libero di esplorare il mondo che lo circonda.