Quando svezzare i gattini?

È molto importante sapere quando svezzare i propri gattini e come comportarsi a riguardo. Ve lo diciamo noi.

gattini con ciotola

Svezzare un gattino significa farlo passare da un’alimentazione a base di latte materno al cibo solido. È una parte fondamentale dello sviluppo di un gatto e deve essere effettuata nel modo e nel momento giusto. Cerchiamo allora di capire quando svezzare i gattini.

gattino davanti a ciotola

Prima di cominciare

Ove possibile, i gattini devono sempre essere alimentati con del latte materno, specialmente entro le prime 12-24 ore di vita. Il primo latte, o colostro, contiene infatti importanti anticorpi che possono essere assorbiti dal piccolo solo in questo periodo.

Se una mamma gatta ha una cucciolata molto grande e non può produrre abbastanza latte, ogni micino dovrebbe comunque riceverne almeno una parte, anche integrato con del latte in polvere. Se non può proprio produrne, un’altra gatta potrebbe accettare dei piccoli se non sono di taglia troppo diversa rispetto alla sua.

Se invece non c’è proprio possibilità di allattare, è necessario somministrare loro del latte in polvere, tramite biberon o siringa. Se volete saperne di più, abbiamo già dato qualche consiglio su quale latte dare ai cuccioli di gatto.

Quando svezzare i gattini

Normalmente lo svezzamento comincia a circa 4 settimane di vita, periodo in cui è possibile vederli tentare di mangiare il cibo solido della mamma. Con i gattini orfani si può iniziare ancora prima, verso le 3-4 settimane, magari quando cominciano a mordicchiare il ciuccio del biberon usato per nutrirli.

In ogni caso non abbiate fretta di iniziare questo processo, perché uno svezzamento precoce può provocare al micino problemi sia fisici che psicologici.

gattino che dorme

Come svezzare i gattini

Per cominciare è consigliabile mescolare cibo per gatti solido e latte in polvere, così che il gattino riconosca il sapore. Passatene un po’ attorno alla sua bocca e lasciate che lo lecchi via.

Una volta che è abituato al sapore lo cercherà altrove, e a quel punto potrete insegnargli a mangiare da una ciotola. Controllate che non mangi troppo in fretta e che non spinga il muso troppo a fondo nella ciotola, cosa che potrebbe fargli inalare del cibo e sviluppare forme di polmonite.

Tra la quarta e la quinta settimana fate passare il gattino al cibo più solido: usate cibo in scatola o cibo secco mescolati con acqua. Riducete gradualmente la quantità di acqua utilizzata man mano che il gattino si va abituando. Non abbiate fretta e non forzatelo.
Intorno alle 6-7 settimane lo svezzamento potrebbe già essere completo, e tra le 8 e le 10 settimane al massimo il gattino dovrebbe essere in grado di mangiare cibo solido autonomamente.

3 gattini

Suggerimenti

  • Per questa operazione è molto importante usare del latte in polvere specifico per gattini, poiché in grado di fornire loro il giusto livello di calcio, proteine e calorie.
  • Tenere i gattini al caldo.
  • Assicuratevi che si tratti di un processo graduale, perché i gatti hanno uno stomaco molto sensibile ai cambi di alimentazione.
  • Se i gattini hanno ancora la mamma non allontanateli da essa durante lo svezzamento e comunque non prima dei 3 mesi di vita: la presenza della mamma, oltre a rappresentare un sostegno emotivo per il piccolo, è per lui un modello per imparare, tramite imitazione, tante altre attività (usare la lettiera, pulirsi, giocare).