Gattino mangia le piante: cosa fare e come farlo smettere

Avere Miao in giro per casa è un piacere, quasi sempre. Se il gattino mangia le piante, infatti, diventa certamente meno simpatico. Ecco come evitarlo

gattino morde le piante

I felini sono giocosi e curiosi, ci tengono compagnia e ci deliziano con le loro fusa; ma cosa fare se un gattino mangia le piante? Ci sono diversi rimedi che possiamo mettere in atto per evitare che danneggino l’arredamento e la nostra casa, niente paura.

gattino in mezzo alle piante

In genere gli amici a quattro zampe in questione scavano delle buche vicino alla vegetazione che abbiamo faticosamente curato e reso rigogliosa. Oltre a rovinare le piante, spargono terra in giro per il terrazzo/balcone/giardino. E questo non è sempre ben sopportato dai coinquilini bipedi.

Perché agire

Un gattino che mangia le piante non fa un danno solo a noi, la casa e il giardino: può provocare danni anche a se stesso. Infatti, a seconda di cosa ingerisce, potrebbe avere non pochi problemi di salute, alcuni dei quali anche gravi.

Per ovviare al problema, oltre ad avere un micio e delle piante da ‘sgranocchiare’, dobbiamo armarci di santa pazienza, buona volontà e tanto (tantissimo) amore per il nostro amico a quattro zampe.

Non sgridiamo Miao

gattino rosso mangia fiore

La maggior parte delle volte che si coglie un felino in flagrante i rimproveri non sono l’approccio migliore per risolvere il problema. Infatti, si tratta di un quadrupede parecchio dispettoso, se si accorge che qualcosa non ci va a genio potrebbe reiterarla proprio per infastidirci.

Affinché questo non accada, si devono adottare altri metodi, sicuramente più efficaci, per fare in modo che Miao si allontani dalle piante del nostro amato giardino o dall’orto tanto faticosamente messo in piedi. Non sono altro che piccoli trucchi e soluzioni del tutto naturali.

Gli oli essenziali

Tra quelli possibili per impedire che il nostro amico a quattro zampe trovi particolarmente attraenti le piante ci sono degli oli essenziali. Anche i fondi del caffè e le bucce degli agrumi possono fare al caso nostro, così come i peperoncini, il rosmarino e la lavanda.

Ognuno di essi ha un odore molto forte che non piace molto all’olfatto sviluppato dei felini. Il gattino che mangia le piante non avrà più voglia di avvicinarsi. Il trucco è posizionare i vasetti o i piattini intorno all’area interessata.

Le bottiglie di plastica trasparenti

gatto odora una pianta

Se gli aromi non sono sufficienti, o non fanno al caso nostro, non è arrivato ancora il momento di arrendersi e gettare la spugna. Un ottimo deterrente sono le bottiglie di plastica, quelle trasparenti che compriamo al supermercato.

Riempiamole con dell’acqua e mettiamole vicino alle piante vittime degli attacchi felini. Pare, infatti, che i riflessi provocati dai raggi del sole che si infrangono sulla superficie trasparente infastidiscano la vista di Miao. Improvvisamente, allora, non avrà più tanta voglia di avvicinarsi all’orto. I nostri pomodori e le nostre lattughe potranno avere un po’ di tregua (almeno finché non decideremo di coglierli e mangiarli).

L’erba gatta

Tra i rimedi, sempre naturali, per un gattino che mangia le piante c’è sicuramente l’erba gatta. Un jolly dalle mille proprietà e assolutamente innocuo per la salute del nostro amato quadrupede.

Se si distribuiscono dei vasetti di erba gatta nelle zone limitrofe alle proprie piante, si potrà essere abbastanza certi che l’attenzione di Miao ricadrà solo ed esclusivamente su di essi.

Un’altra soluzione sono i ciottoli o la pacciamatura. Se si usano per riempire tutta la zona intorno alla pianta, il gatto non andrà a scavare buche dove non vede la terra a portata di zampa.

Attenzione alle piante tossiche, vanno eliminate!

gatto mangia erba gatta

Come già accennato in precedenza. Un gattino che mangia le piante non attenta solo alla nostra casa, ma può avere dei problemi di salute legati all’ingestione di vegetazione tossica.

In questo caso, prima di adottare un amico a quattro zampe, è bene documentarsi e disfarsi di tutto ciò che può provocargli malessere. Magari c’è una nostra amica particolarmente amante delle piante, ma non degli animali, che potrebbe gradire un regalo inaspettato.

Tra i maggiori rischi per Miao ci sono il vischio, i gigli, i narici, gli abeti e le stelle di Natale. Prima di portare a casa una pianta, soprattutto nel periodo delle feste, è meglio informarsi ed essere sicuri che non rappresentino un pericolo per il peloso.

Posizionare le piante, anche qui ci sono dei trucchetti

Per tagliare la testa al toro, come si suol dire, se ne abbiamo la possibilità, uno dei rimedi più efficaci è tenere piante e fiori lontani dalla portata dei felini. Il loro istinto selvatico, altrimenti, rischia di avere la meglio su delle povere e indifese creature della natura.

In alternativa, un’altra soluzione per esempio potrebbe essere quella di aggiungere la naftalina nel terreno della pianta. Questa, però, consideriamola la nostra ultima spiaggia: il cattivo odore non allontanerebbe solo gli animali, ma anche i nostri ospiti umani.

Spray repellente

gatto nervoso

In commercio esistono degli spray repellenti certamente più tollerati da noi bipedi, non fosse altro che per il fatto che le loro formulazioni sono state create appositamente per lo scopo di allontanare i felini e non le persone.

Nei negozi specializzati, o sul web, se ne trovano di tutti i tipi e per tutti i gusti: al limone, alla lavanda. Oltre a raggiungere il nostro obiettivo, potremmo anche avere un ottimo deodorante per ambienti.

Le cause

Alla base della questione, però, c’è certamente la motivazione che sta dietro a un gesto simile. Se il gattino mangia le piante ci sarà un perché. Il problema è che una risposta certa ancora non si è trovata: c’è solo una serie di supposizioni, più o meno confermata da dati empirici raccolti negli anni.

A riguardo, per l’appunto, ci sono differenti linee di pensiero. Alcuni sostengono che il felino lo faccia per soddisfare un istinto di sopravvivenza, altri ancora credono fermamente che ricerchi nutrimento dalle fibre alimentari.

Ed è proprio per questo motivo che si suggerisce di piantare dell’erba gatta nel vaso della pianta da salvaguardare o di posizionarla nelle sue immediate vicinanze. I nostri amici a quattro zampe, infatti, adorano mordicchiare questa pianta: la trovano molto gustosa, funziona quasi come una calamita e distoglie l’attenzione dalla vegetazione circostante.

La si può trovare nei negozi specializzati in animali, ma anche nei supermercati più riforniti. Se mettiamo in pratica uno o più di questi consigli, il nostro giardino sarà finalmente salvo da agguati improvvisi. Sia noi che il nostro adorato Miao saremo più che soddisfatti.