Sacro Birmano: tra storia e leggenda

Il Sacro Gatto della Birmania (o Birmano) è una delle razze di gatti più affascinanti così come la storia, intrisa di leggenda, che circonda le origini di questi stupendi felini.

Sacro Birmano: tra storia e leggenda

Secondo la leggenda , molti secoli fa, in Birmania (Birmanie in francese, che spiega il nome di questa razza), sorgeva il tempio Lao-Tsun dove i sacerdoti di Kittah adoravano la bellissima dea Tsun Kyan Kse del popolo Khmer. Questa divinità aveva il corpo dorato e gli occhi blu zaffiro e governava il passaggio delle anime.    Sacro Birmano: tra storia e leggenda

Il monastero era abitato da cento gatti bianchi, che ne erano i guardiani, ed era anche la casa di Sihn, un gatto bianco con gli occhi gialli, che il sommo sacerdote Mun-Ha teneva come un oracolo. Un giorno, questo luogo sacro fu attaccato dagli infedeli che uccisero i monaci, incluso il sommo sacerdote che, nel tentativo di proteggere la statua d’oro della loro dea, ebbe un infarto.

Mentre il suo padrone giaceva morente il gatto bianco Sinh balzò in suo aiuto su di lui e sibilò contro i nemici: questo coraggio rincuorò i giovani sacerdoti che riuscirono a respingere i banditi.  Sacro Birmano: tra storia e leggenda

Sinh allora si rilassò e fissò la statua, mentre l’anima perfetta del suo maestro subì il miracolo della trasmutazione e passò nel corpo del gatto. Quando l’anima di Man-Ha fu trasferita, il corpo di Sinh iniziò a cambiare colore: fu trasformato in un oro pallido come la statua di Tsu-Kyan-Kse, mentre il suo musetto, le sue zampe e la sua coda divennero del colore della terra e i suoi occhi gialli divennero blu zaffiro come quelli della dea. Solo le estremità delle sue zampe rimasero bianche per riflettere la purezza di Man-Ha.  Sacro Birmano: tra storia e leggenda

Il dolore della perdita del suo padrone fu troppo per Sinh, che morì il settimo giorno portando con sé l’anima perfetta del suo maestro a Tsun-Kyan-Kse . Ristabilita la pace, i giovani sacerdoti furono gravati dalla scelta di un successore di Mun-Ha. Rimasero, tuttavia, stupiti nel vedere che i cento gatti bianchi del tempio avevano preso tutti la stessa colorazione di Sinh. E tutti loro circondarono il prete più giovane indicando la volontà della dea. Da quel momento in poi, quando un prete moriva, la sua anima trasmigrava nel corpo di uno dei gatti del tempio e, alla morte del felino, la trasmutazione del sacerdote diveniva completa.    Sacro Birmano: tra storia e leggenda

La storia moderna del Birmano è quasi avvolta nel mistero come la sua origine leggendaria. Ciò che è noto per certo è che, probabilmente intorno al 1919, un paio di gatti Birmani furono spediti clandestinamente dalla Birmania in Francia. Il gatto maschio non sopravvisse alle difficili condizioni del lungo viaggio, ma la femmina Sita sopravvisse e, fortunatamente, era incinta.  Sacro Birmano: tra storia e leggenda

Nel 1925, il registro dei gatti francesi riconobbe il Birmano come razza. Alla fine della seconda guerra mondiale, solo due Birmani vennero lasciati in vita in Europa e fu necessario un programma di incroci per ristabilire la razza. La maggior parte dei registri di gatti richiede almeno cinque generazioni di riproduzione pura, dopo incroci, per accreditare pienamente una razza alla competizione di campionato. Il Sacro di Birmania fu riconosciuto dall’Inghilterra nel 1966 e dall’Associazione dei fanatici del gatto nel 1967. Ci sono voluti più di trent’anni di allevamento, da parte di devoti di questa razza, per portare il Birmano all’altezza degli standard elevati che esistono oggi.