American Shorthair: tutti i colori e i tipi di pelo

Forte, muscoloso e con un mantello bellissimo: l'American Shorthair è un gatto speciale, disponibile in tantissime varianti e colori una più bella dell'altra!

Se dovessimo trovare una definizione per l’American Shorthair, potremmo azzardare che si tratti non di un semplice gatto, ma di un vero e proprio simbolo della storia americana. Forte e dalla salute di ferro, l’American Shorthair esiste in tantissime varianti e colori uno più bello dell’altro.

In passato era un provetto cacciatore di topi, oggi è uno dei gatti domestici più apprezzati negli Stati Uniti, sebbene ci sia voluto davvero tantissimo tempo prima che venisse riconosciuta la razza con uno standard ben definito. Pensate che si parla addirittura degli anni Sessanta!

Ma in tutto questo tempo, da quando i coloni approdarono in America ad oggi, il gatto American Shorthair non ha mai smesso di essere coccolato, amato, desiderato. Ed è grazie alle sue incredibili caratteristiche e doti che ne sono stati creati tanti incroci, che oggi danno vita a varianti e combinazioni di pattern e colori semplicemente fantastiche.

Indice

Tutti i colori dell’American Shorthair

american shorhair tabby

L’American Shorthair ha un aspetto molto particolare, dato non solo dalla sua corporatura robusta e dalla forma rotonda del viso (adorabile!), ma anche da colori e motivi talmente variegati che sarebbe impossibile descriverli tutti. Basti pensare che tra colori, pattern e combinazioni ne possiamo contare più di 80! Vediamo i colori più diffusi (e amati) di questo meraviglioso amico a quattro zampe.

Bianco

L’American Shorthair bianco è una nuvoletta di pelo fluttuante e candido, di un colore brillante e scintillante. Ammirarlo è un vero piacere per gli occhi! Nasino e cuscinetti sono rigorosamente di colore rosa, mentre per gli occhi possiamo trovare diverse varianti: molti esemplari di questa razza sono bianchi con gli occhi blu oppure dorati e alcuni li hanno di colori diversi (eterocromia).

Nero

Tra i colori solidi più apprezzati nell’American Shorthair c’è senza dubbio il nero, fitto e intenso sia nella parte più esterna che in quella più interna del mantello. Gli occhi sono dorati, mentre naso e cuscinetti delle zampe sono anch’essi neri in unica tinta, senza sfumature.

Blu

Il blu è uno di quei colori che spesso possono farci cadere in errore. Un American Shorthair di questo tipo, ad esempio, all’apparenza potrebbe sembrare grigio ma non è così: guardandolo con attenzione vi accorgerete che ogni pelo ha una sfumatura tendente al blu. Dello stesso colore è il naso, mentre gli occhi più apprezzati sono gialli o di un color ambra brillante.

Rosso

american shorthair tabby

L’American Shorthair rosso è semplicemente meraviglioso, con occhi dorati e naso e cuscinetti delle zampe di un bel color mattone. Come dire, un gatto ton sur ton! Il rosso è diffuso su tutto il mantello che generalmente non è mai in unica tinta, ma con delle bellissime sfumature leggermente più chiare che lo rendono ancor più accattivante.

Crema

L’American Shorthair color crema è la variante più scura di quello bianco, perciò attenzione a non confonderli. Ogni pelo è di questo colore dalla radice alla punta, accompagnato da naso e cuscinetti rosa come negli esemplari bianchi. C’è una differenza sostanziale, però, perché se l’American Shorthair bianco può avere occhi dorati, blu o di entrambi i colori, quello color crema li ammette soltanto del primo tipo.

Tartarugato

I gatti tartarugati (o a squama di tartaruga) sono davvero particolari, oltre che bellissimi. E anche l’American Shorthair ammette questa variante, con un mantello nero e tempestato di macchie e sfumature rosse che creano un effetto ottico meraviglioso. Ne esiste anche una versione con sottopelo chiaro, che conferisce al Micio una colorazione tendente al blu o all’argento.

Silver chincillà

E a proposito di argento, come non citare i colori silver dell’American Shorthair! Ce n’è in particolare uno conosciuto come chinchillà (o cincillà) che è davvero bellissimo e particolare: il sottopelo è bianco candido mentre il pelo di guardia è chiaro ma con le punte colorate in corrispondenza di dorso, fianchi, testa e coda. Pensate a quante sfumature diverse può assumere! Non ci sono indicazioni precise sul colore degli occhi, né su quello di naso e cuscinetti.

Fumo

Anche questo è uno di quei colori che può trarre in inganno l’osservatore meno attento. L’American Shorthair color fumo (o smoke) apparentemente sembra il classico gatto nero, ma non è così: il suo mantello non è solido, ma ha il sottopelo più chiaro e che gli conferisce appunto una sfumatura color fumo che si vede ancor meglio alla luce. E poi possiamo riconoscere la variante fumo anche da un altro particolare: segni bianchi (spesso molto lievi) su zampe, petto e pancia.

Tabby

Non potevamo tralasciare l’American Shorthair Tabby, una delle varianti più diffuse in assoluto. Diciamo pure che i gatti Tabby sono così “famosi” e onnipresenti perché hanno il classico colore “mimetico” che in natura è sicuramente un vantaggio. È il motivo originale per antonomasia! I gatti Tabby possono essere praticamente di qualsiasi colore, con la particolarità di avere vere e proprie onde o strisce più scure che formano pattern meravigliosi. E non dimenticate che i veri gatti Tabby hanno una “M” scura sulla fronte!

Calicò

Gli American Shorthair nella variante calicò sono bianchi e tempestati di macchie nere e rosse, spesso con le tipiche strisce Tabby ma talvolta anche con macchie diverse dal solito, nei toni del blu e del crema. Occhi dorati, sguardo intenso e un mantello che lascia davvero incantati!

E tutti questi sono solo alcuni dei meravigliosi colori dell’American Shorthair, che possiamo trovare anche col mantello bicolore (il classico bianco con macchie blu, nere, rosse o crema) o nel particolarissimo Van, un motivo a base bianca con macchie di varie tonalità su testa, coda e zampe. In pratica un American Shorthair con il pelo simile al Siamese!

Com’è fatto il pelo dell’American Shorthair

american shorhair che si stiracchia

Se da una parte i colori dell’American Shorthair sono davvero tantissimi, dall’altra il mantello ha sempre (e sottolineiamo, sempre) delle caratteristiche ben precise che sono richieste dallo standard di razza. Innanzitutto il mantello è sempre corto e non sono ammesse varianti a pelo di media lunghezza, né tantomeno a pelo lungo. Il pelo è ben distribuito, fitto e dalla consistenza dura e non è di certo un caso: il retaggio “selvatico” dell’American Shorhair conferisce a questo gatto una struttura fisica solida e un mantello in grado di proteggerlo dal freddo, dall’umidità e persino dalle ferite.

American Shorthair colori, molte persone ci hanno chiesto anche:

american shorthair chinchillà

Quanto costa un American Shorthair?

L’American Shorthair è un gatto piuttosto costoso e per due motivi. Il primo è legato alla sua origine: in Italia e in generale in Europa è raro trovare allevamenti di questa razza, perciò oltre al costo dell’esemplare in sé dovreste valutare anche quello del trasporto oltreoceano, che non è proprio economico. Mediamente un gatto American Shorthair costa tra i 1.000 e i 1.500 euro, costo che scende (intorno ai 600 euro) se si tratta di un esemplare non destinato alle esposizioni feline.

Quanto costa un Blu di Russia?

Il gatto Blu di Russia è completamente diverso dall’American Shorthair, anche per la totale mancanza di tutte le varietà di colori che abbiamo ampiamente descritto. Certamente, però, hanno in comune il costo altissimo: esemplari presi in allevamenti certificati e con Pedigree possono costare anche più di 1.000 euro, specialmente quando destinati alle esposizioni.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati