Bobtail Americano, salute e aspettative di vita: cosa sapere

Il Bobtail Americano è un gattone forte e resistente che in genere gode di buona salute: scopriamo nel dettaglio le sue caratteristiche

gatto appollaiato su una mensola

Il simpatico gattone dalla coda piccola e tozza, il Bobtail Americano, in genere gode di buona salute: oltre a essere bello è anche forte e resistente.

Parliamo di una razza felina piuttosto recente, nata negli anni Sessanta in seguito a un “incontro” del tutto casuale.

Si pensava in origine che la coda così corta dipendesse dal sangue della selvatica lince rossa che scorreva nelle sue vene.

In realtà la peculiarità del Bobtail Americano è frutto di una mutazione genetica spontanea, stabilizzata in seguito dagli allevatori americani.

Qualche informazione sul Bobtail Americano

Il Bobtail Americano è il frutto di un’attenta selezione che nel tempo ha consentito sia di mantenere la caratteristica coda “mozzata” che di creare gatti forti e in salute.

gatto con la coda mozzata

In origine le prime cucciolate derivarono dall‘incrocio di gatti consanguinei, motivo per il quale la razza si stava indebolendo per via delle conseguenti tare genetiche.

Dunque dall’inizio gli allevatori lavorarono nell’unica direzione di dar vita a una razza felina che fosse in perfetta salute.

Ottennero così un gatto con pochissimi problemi ma soprattutto dal carattere splendido in netto contrasto con il suo aspetto “selvatico”.

Il Bobtail Americano è docile e amichevole con tutti, riesce a socializzare sia con le persone che con gli altri animali e non è particolarmente esigente.

È un gatto tranquillo che adora trascorrere il suo tempo giocando e sonnecchiando, facendo lunghe passeggiate al guinzaglio e “rubando” gli oggetti luccicanti che gli capitino a tiro.

Quanto vive un Bobtail Americano

Essendo tendenzialmente un gatto che gode di ottima salute, il Bobtail Americano può vivere anche fino a 15 anni in media.

primo piano del muso di un gatto

Tutto dipende, come sempre, dalle cure che gli rivolgiamo: vaccinazioni, visite dal veterinario e precauzioni necessarie per rendere l’ambiente in cui vive accogliente e non pericoloso.

In più va curata l’alimentazione per evitare che possano insorgere problemi del tratto gastro-intestinale e fare attenzione a eventuali allergie, evitando quando necessario determinati alimenti dannosi.

Un Bobtail Americano si mantiene in salute anche grazie al movimento che non deve mancare mai nella sua routine quotidiana.

Spazio allora a giochi e corsette in casa, ai quali state certi che non vi dirà mai di no, e quando possibile spazio anche alle passeggiate al guinzaglio.

Una delle particolarità del Bobtail Americano è proprio quella di avere un temperamento che lo rende più simile a un cane che a un gatto.

Tanto che insegnargli a camminare al guinzaglio è un vero gioco da ragazzi e anzi uscire da casa in compagnia del proprio padroncino è una delle sue attività preferite.

Bobtail Americano: salute e alimentazione

Merita un capitolo a parte l’alimentazione del Bobtail Americano, non perché si tratti di un gatto particolarmente esigente ma perché ha la tendenza a ingrassare.

passeggiare con il gatto al guinzaglio

Il micione americano non è un gran golosone e non mangia fino allo sfinimento com’è tipico di altre razze feline.

Tuttavia il suo metabolismo fa sì che si tratti di un gatto soggetto a sovrappeso, perciò la dieta deve essere sempre tenuta sotto controllo.

Vanno benissimo i croccantini accompagnati da una porzione di cibo umido, tutto rigorosamente di ottima qualità. Sul cibo del nostro gatto mai badare a spese.

I pasti non devono mai essere troppo abbondanti e commisurati all’età, allo stato di salute e soprattutto al tipo di vita che conduce.

Displasia dell’anca

La salute del Bobtail Americano può essere minacciata dall’insorgere della displasia dell’anca, una condizione comune a poche razze feline.

La displasia dell’anca non è altro che una rara malformazione congenita che colpisce l’articolazione del femore.

cucciolo di bobtail americano

In parole povere con il passare del tempo la cartilagine che tiene insieme femore e bacino si corrode fino a consumarsi del tutto.

Questo fa della displasia dell’anca una malattia degenerativa che va attenzionata sin dai primi segnali.

Il gatto inizialmente presenta una lieve zoppia che nel tempo può trasformarsi in qualcosa di più grave, fino alla completa paralisi dell’arto.

Non esiste una cura per la displasia dell’anca, tutto ciò che possiamo fare è rivolgerci a un bravo veterinario che sappia diagnosticare in tempo la malattia e alleviarne i sintomi.

Bobtail Americano: i “rumpy”

Il Bobtail Americano è un gatto che nasce con un gene dominante che determina la formazione di una coda corta e tozza, simile a un batuffolo.

Quando però nasce senza la coda può avere dei problemi piuttosto gravi a livello spinale.

Gli esemplari senza coda vengono chiamati “rumpy” e sono considerati un errore nello sviluppo genetico della razza.

I “rumpy” possono sviluppare gravi problemi di mobilità della colonna vertebrale, con il conseguente rischio di paralisi.

Di conseguenza tendono ad avere anche problemi nel controllo della defecazione, a differenza dei gatti sani che riescono a gestirla autonomamente.

Per questi motivi gli esemplari di Bobtail Americano senza la coda vengono considerati inadatti alla riproduzione.