Gatto anziano che non si muove: come aiutarlo e accompagnarlo in questa fase

Quando si è in presenza di un gatto anziano che non si muove è normale chiedersi cosa sta succedendo al proprio gatto e se risulta possibile intervenire per cercare di farlo riprendere a muovere.

La salute del gatto è importante per riuscire a godere della sua compagnia a lungo; per questo è necessario fare tutto ciò che è possibile fare per migliorare le condizioni del peloso, qualora fosse possibile. Spesso alcuni segnali destano particolare preoccupazione. Riuscire a comprendere le cause del problema darà l’opportunità di capire se è possibile risolvere il problema.

Perché il gatto non si muove?


Sono diverse le motivazioni per cui è possibile assistere ad un gatto anziano che non si muove, ma la cosa a cui si pensa immediatamente è che il gatto in questione sta male. I malesseri tuttavia possono essere diversi, per questo è necessario riuscire a trovare la causa del problema per provare ad attuare una soluzione. Tra le motivazioni rientrano i dolori articolari e muscolari, soprattutto se il gatto in questione ha raggiunto la fase senile della sua vita.

I gatti già intorno i 6 – 7 anni di età cominciano a diventare vecchi o perlomeno iniziano ad entrare in quella che è considerata la fase della vecchiaia; ed è proprio in questa fase che cominciano a manifestarsi i primi segnali di più comuni tra i gatti anziani. Le manifestazioni riguardano non solo la funzionalità delle articolazioni, ma riguardano anche problemi ai denti o la comparsa dei peli bianchi. Quando il gatto ha un problema articolazioni manifesta alcuni segnali che non lasciano spazio al dubbio; uno in particolare è quando il gatto smette di fare i bisogni nella lettiera, per farli nella parte laterale di essa stessa.

Il gatto inoltre cercherà di non entrare nella lettiera a causa della sabbia; più infatti la sabbia è di bassa qualità, più il gatto avrà problemi di equilibrio; equilibrio che cessa del tutto, se a maggior ragione ci sono dolori articolatori. In questo caso è molto probabile che il gatto accusi un forte dolore alle zampe posteriori o addirittura alle anche. Ovviamente risulta anche palese la presenza di un problema articolatorio, visibile quando il gatto non riesce più a saltare o a camminare normalmente. Spesso questo disturbo è causato da un trauma fisico; per questo è necessario controllare se ci sono lesioni che non sono visibili ad occhio nudo.

L’artrosi provoca dolori anche invalidanti

L’artrosi rientra tra i motivi per cui si assiste ad un gatto anziano che non si muove; questa malattia tuttavia non è sempre riconosciuta in tempi brevi, anche perché il gatto non emana alcun segnale di fastidio o problema; quando però si palesano le prime avvisaglie, già si parla di artrosi in stadio avanzato. La mancanza di diagnosi precoce è probabilmente causata dal fatto che si tende erroneamente a credere che i gatti siano in grado di badare sempre a se stessi, grazie al loro spiccato istinto di sopravvivenza.

Inoltre, i gatti, come già accennato, a differenza dei cani, non manifestano segnali di malessere all’inizio della malattia; il cane infatti tende a zoppicare con molta più evidenza rispetto al gatto, che inizia a zoppicare solo dopo molto tempo l’effettiva presenza del problema. Inoltre, esistono diverse malattie dell’apparato osteoarticolare e tra queste rientrano le malattie degenerative articolari.

Queste malattie parecchio dolorose sono spesso causate dall’avanzare dell’età; tuttavia è anche possibile che un gatto in sovrappeso, e con un infortunio precedente, possa manifestare tali problemi, anche se giovane. Sarà quindi necessario sottoporre il gatto a dei test dal veterinario, allo scopo di capire quali sono i danni che tale condizione comporta.

Il gatto che non si muove ha problemi di peso

Tra le cause per cui si assiste ad un gatto anziano che non si muove rientra anche l’obesità o comunque un problema di sovrappeso. Questa condizione è spesso causata da una dieta non bilanciata, dall’assunzione di eccessivi grassi e carboidrati; inoltre questa condizione peggiora quando alla dieta errata si aggiunge la totale assenza di movimento.

A lungo andare tale condizione diventa invalidante e non permette al gatto di muoversi liberamente; a questo poi si aggiungono anche ulteriori problemi che possono compromettere seriamente non solo la qualità di vita del gatto, ma anche la vita stessa. Riuscire a creare una dieta casalinga per gatti ben equilibrata è quindi indispensabile per cercare di dare al gatto una buona qualità di vita.

Il gatto non si muove per un altro motivo

Un gatto anziano che non si muove è anche un gatto che probabilmente è arrivato al culmine della sua vita; questa motivazione è la più dolorosa di tutte, ma rientra tra le ingiustizie della vita.

Sfortunatamente spesso un gatto anziano che non si muove è un gatto che si sta preparando alla morte; esistono però altri segnali oltre allo stare completamente fermi che necessitano di essere monitorati. Questi includono:

  • L’isolamento, un gatto anziano che si isola è un gatto che sta male e che necessita di trascorrere del tempo in totale solitudine; questo atteggiamento desta particolare preoccupazione, ma è necessario non intervenire soprattutto se il veterinario lo ha già visitato e ha decretato che non c’è altro da fare
  • I parametri vitali del gatto non sono normali
  • Il micio sfortunatamente smette perfino di mangiare e di bere; per questo è necessario cercare di attirare la sua attenzione con i suoi cibi preferiti. Inoltre a questa inappetenza possono comparire altri sintomi quali diarrea, vomito e perfino convulsioni
  • Anomalie comportamentali che per la maggior parte sono causate da problematicità fisiche, quali dolori o altre malattie invalidanti; è possibile quindi vedere il gatto irritato con minzione anomala. Con molta probabilità inoltre sarà depresso e si sentirà letargico. Sarà quindi necessario l’intervento del veterinario per cercare di determinare la causa
  • Il felino smetterà totalmente di leccarsi e di conseguenza di pulirsi; questo è un segnale molto chiaro che qualcosa nella salute del vostro gatto non va assolutamente come dovrebbe. I gatti trascorro la loro vita a pulirsi, sono animali estremamente puliti e quando ciò non avviene è normale essere preoccupati
  • Il gatto tenderà a sottrarsi dalle attenzioni umane e passerà il tempo a nascondersi

Questi sono i segnali che qualcosa nel gatto non va come dovrebbe; in questo caso sarà necessario condurre il gatto dal veterinario il prima possibile. Questi cercherà di capire cosa sta succedendo e potrà fornirvi di tutte le indicazioni che il caso richiede.

Conclusione

In definitiva un gatto anziano che non si muove è un gatto con delle problematicità, per tale motivo è necessario intervenire rapidamente per comprendere le cause determinanti. Tuttavia purtroppo è anche possibile che un gatto anziano che non si muove, è un gatto che purtroppo ha raggiunto l’apice della sua vita; per questo è importante capire e soprattutto accettare la sua dipartita.

Sfortunatamente i gatti non hanno la stessa durata degli uomini e molto spesso ci si ritrova a dover piangere un fratello o il migliore amico. Bisogna però tenere sempre a mente che nonostante il fatto che i gatti vivono meno degli uomini, è comunque sempre una grande gioia condividere con i pelosi parte della propria vita.
Per qualsiasi altra informazione in merito o dubbio, è necessario che vi rivolgiate al veterinario, il quale potrà essere più specifico; inoltre potrà indicarvi la problematicità di cui è affetto il gatto ed eventualmente potrà darvi dei preziosi consigli.