Gatto D’Angora, convivenza ideale: chi è il padrone più adatto a lui?

gatto d'angora simpaticissimo

Gatto d’Angora, convivenza: c’è un particolare padroncino più adatto di altri per gestire questo particolare ed elegante felino dalle origini turche? Vediamo quello che dobbiamo sapere sul suo temperamento e sulle sue esigenze.

Gatto d’Angora, convivenza

gatto d'angora con gli occhi dolci

Cosa sappiamo sul Gatto d’Angora e la convivenza con l’uomo? Di che cosa bisogna tener conto prima di decidere di prendere in casa un esemplare di tale razza dalle origini turche?

Il Gatto d’Angora è una razza di taglia media, dall’aspetto elegante, raffinato, fiero e dal pelo morbidissimo e fluente. Il suo sguardo può far innamorare chiunque lo incroci!

Al di là dell’imprinting che si potrebbe avere alla vista di questo splendido felino, cosa ci si deve poi aspettare dal vivere quotidianamente con lui?

Intelligenza, socievolezza e giocosità sono tutti aggettivi che descrivono al meglio il carattere di un gatto di questa razza orientale. Soprattutto, c’è un aspetto che deve essere sottolineato assolutamente: ama stare in compagnia più di ogni altra cosa, vuole attenzioni h24 e odia altrettanto lo stare solo in casa.

A chi è adatto allora? Come possiamo far entrare un Gatto d’Angora in famiglia? Alla luce di questa breve descrizione del carattere, come si può creare una buona convivenza con lui?

Il Gatto d’Angora è un ottimo felino d’appartamento, perfettamente adatto ad ogni membro della famiglia, di qualunque età esso sia.

I bambini sono per lui?

gatto turco marroncino

Essendo un gran giocherellone, sempre pronto al gioco e al divertimento, adora stare con i bambini. Fare i dispetti (in modo dolce e mai esagerato o aggressivo), divertirsi con loro, rincorrerli, farsi lanciare degli oggetti da acchiappare, insomma tutto quello che può farlo muovere sarà ben accetto! L’entusiasmo e l’iperattività dei bambini, anche piccini, sono un toccasana per un Gatto d’Angora!

È abbastanza intelligente, poi da capire che con i più piccoli deve essere delicato e tranquillo, che non deve mai esagerare né spaventarli. Soprattutto, che non deve tirare fuori gli “artigli”: le unghie dovranno rimanere nascoste per tutto il tempo, altrimenti qualcuno potrebbe farsi male. Questa è sicuramente l’ultima cosa che vuole.

Si affeziona facilmente ai membri della sua famiglia, soprattutto se ci cresce insieme. Dunque, non sarà un problema fargli capire la discrezione e la prudenza che deve tenere quando si tratta di giocare coi piccolini di casa.

Questo non sarà assolutamente un problema: pur di avere qualcuno con cui giocare tutto il giorno, con un po’ di abitudine, sarà disposto a qualunque cosa!

Adulti e anziani

gatto d'angora si rilassa

Il Gatto d’Angora può essere un buon compagno di vita anche per una persona anziana, essendo molto autonomo e indipendente anche nel prendersi cura di sé stesso. Quello che bisogna sottolineare è però un aspetto: lui adora scorrazzare, giocare, divertirsi con qualunque oggetto gli capiti a tiro!

È bene tener presente questo lato distintivo di lui e capire se una persona anziana riuscirebbe a stargli dietro. Sicuramente adora anche starsene sul divano e ricevere e fare tante coccole e fusa, ma ha pur sempre bisogno di attenzioni costanti e perenni.

Con gli adulti, poi, si pone sempre in modo molto disponibile e assolutamente carino e dolce. Si affeziona in modo assoluto ai suoi padroncini, non solo perché sono coloro che provvedono al suo sostentamento alimentare e alle sue cure, ma anche perché sono i suoi compagni di giochi, amici di vita, coinquilini, familiari.

Nonostante sia un gatto testardo, che deve essere un minimo educato allo stile di vita nella famiglia e nella casa, non tende ad allontanarsi o scappare. Il rapporto che instaura con la sua famiglia e l’affetto e l’amore che prova per i membri è così forte che gli impedirà anche solo di pensare di voler scappare.

E con altri animali?

Quali sono le razze di cani che vanno più d’accordo con i cani?

Il Gatto d’Angora, avendo un carattere molto affettuoso ma anche testardo, non è molto disponibile a convivere con altri animali in casa, specialmente se questi sono dei gatti, o almeno non all’inizio. Si può dire che ha bisogno di un po’ di tempo per abituarsi alle situazioni che sconvolgono il suo equilibrio.

L’unica cosa che si potrebbe prendere in considerazione per fare in modo che si senta tranquillo e non abbia paura di esser emesso da parte è quella di farlo abituare fin da piccolissimo a crescere in compagnia.

Sia per lui, sia per l’altro/gli altri animale/i questo fattore sarebbe sicuramente di conforto e di stimolo a creare un rapporto d’amicizia.

Altrimenti, se prendessimo un altro felino dopo qualche anno di convivenza, il Gatto d’Angora svilupperebbe una gelosia e un senso di attaccamento morboso al territorio. Potrebbe infatti reagire male, sentirsi abbandonato e non compreso. Fosse per lui, vorrebbe tutte le attenzioni solo per sé!

Con i cani è diverso: se ha degli spazi di privacy dove potersi isolare nei momenti di bisogno, può tollerare molto meglio un cane che un altro gatto.

Sempre con pazienza e tranquillità bisognerà farli conoscere e insegnare loro qualche piccola regola di convivenza. Ad esempio, evitiamo che il gattino mangi il cibo per cani, o viceversa.

Dunque, dare le stesse cure e attenzioni ad entrambi è l’unico segreto possibile.