Gatto dorme con la lingua di fuori, è normale? Ecco cosa può significare

È normale vedere un gatto che dorme con la lingua di fuori? Le cause di questo comportamento sono diverse, alcune innocue e altre preoccupanti

gatto dorme con la lingua di fuori

I piccoli felini ci fanno davvero perdere la testa con tutti i loro buffi (e spesso inspiegabili) comportamenti. Ad esempio può capitare di vedere che il gatto dorme con la lingua di fuori o che ne tiene anche solo la punta tra i dentini mentre sta seduto o è intento nelle sue faccende.

Per prima cosa rassicuratevi, se il vostro micio di tanto in tanto resta con un pezzettino di lingua fuori dalla bocca non c’è nulla di cui preoccuparsi.

Anzi forse non tutti sanno che nel mondo del web è stato coniato un termine apposito per indicare questo strambo comportamento. Gli utenti di blog, sociale e siti vari parlano di “blep” quando il micio resta con la lingua di fuori come se avesse dimenticato di rimetterla a posto!

Il “blep” tecnicamente è il blocco della lingua, fenomeno assolutamente sporadico che capita al gatto di tanto in tanto. Non dimentichiamo poi che questa “smorfia” si deve a un particolare organo che gli consente di catturare più informazioni su ciò che lo circonda.

Quando il gatto dorme con la lingua di fuori, però, il discorso cambia. Non si tratta di una semplice smorfia buffa ma potrebbe indicare la presenza di un problema più serio.

Gatto con la lingua di fuori: smorfia del Flehmen

Tra tutti i comportamenti più curiosi dei nostri amati felini occupa i primi posti la cosiddetta smorfia (o reazione) del Flehmen, quella per cui spesso li vediamo fare quel sorrisetto strano con la lingua di fuori.

Questa smorfia si deve all’organo vomeronasale, conosciuto anche come organo di Jacobson, che si trova tra il palato superiore e il naso.

È ciò che rende l’olfatto dei gatti così potente e sopraffino, una sorta di “processore” ad alta tecnologia che gli consente di raccogliere e decifrare una quantità incredibile di informazioni.

Ecco perché spesso quando percepiscono un odore particolare aprono la bocca in questa posizione così strana uscendo fuori la lingua, non fanno altro che sfruttare l’organo di Jacobson.

Perché il gatto dorme con la lingua di fuori?

gatto dorme acciambellato

Se da una parte capita spesso di vederlo con la lingua di fuori senza un apparente motivo (ma sappiamo che c’è), quando il gatto dorme in questo modo non è esattamente per gli stessi motivi.

Le cause possono essere diverse e non dipendono da una questione “olfattiva”. Del resto mentre dorme è molto improbabile che il micio attivi l’organo vomeronasale!

Una questione di relax

Quando il gatto dorme con la lingua di fuori potrebbe semplicemente essere parecchio rilassato al punto tale da farsela scivolare via dalla bocca.

È la stessa cosa che capita anche a noi esseri umani quando siamo particolarmente stanchi e ci lasciamo sprofondare in un lungo sonno.

La mascella e i muscoli facciali si rilassano del tutto quindi non riescono a trattenere la lingua nella sua naturale sede.

In questo caso è un buon segno, vuol dire che il nostro adorato micio sta bene e sta dormendo felice e beato in casa propria!

Possibili problemi alla bocca

gatto fa una linguaccia

Non sempre il gatto dorme con la lingua di fuori per una questione di relax, può capitare che questo comportamento sia dovuto a problemi della bocca.

Potrebbe avere qualcosa incastrato tra i denti e che gli provoca fastidio per cui non riesce a tenere la bocca chiusa nel modo giusto.

Non dovremmo mai prendere sotto gamba la salute e l’igiene della bocca e dei denti del nostro gatto perché un piccolissimo fastidio nel tempo potrebbe diventare qualcosa di ben più grave.

Se lo vediamo dormire con la lingua fuori dalla bocca potrebbe anche trattarsi di un corpo estraneo finito in gola o attaccato al suo palato che gli impedisce di tenere la bocca chiusa correttamente.

Allo stesso modo potrebbe trattarsi di tartaro o placca sui denti, che nel tempo provocano infezioni e disturbi parodontali che possono causare molto dolore e influire sulla capacità del gatto di tenere la lingua dentro la bocca.

Il gatto dorme con la lingua di fuori: surriscaldamento

gatto si stiracchia

Se il micio ansima e tiene la lingua di fuori mentre dorme probabilmente è perché in qualche modo sente troppo caldo.

Come sappiamo i piccoli felini sono ricoperti da un denso strato di pelo (a eccezione di alcuni casi) e al contempo non sudano come facciamo noi.

L’unico modo che hanno per regolare la temperatura corporea è attraverso le ghiandole poste tra i cuscinetti delle zampe oppure leccandosi il mantello.

Quando il micio si surriscalda e non riesce ad abbassare la sua temperatura corporea a un livello accettabile è probabile vederlo dormire con la lingua di fuori e ansimare come farebbe un cane.

Gatti con il musetto schiacciato: cosa sapere

Vedere un gatto che dorme con la lingua di fuori è più probabile negli esemplari con il musetto schiacciato come i Persiani, vale a dire le razze feline brachicefale.

I gatti di questo tipo nascono con una conformazione del muso molto particolare, hanno il cranio più piatto del normale e il naso con narici piccolissime da cui l’aria passa con difficoltà.

Dunque in questo caso è un comportamento che dipende solo ed esclusivamente dall’anatomia del micio. Ha meno spazio in bocca e respira male, perciò non riesce a tenere la lingua nella sua naturale sede.

Conclusioni

gatto tigrato color arancione

I motivi per cui un gatto dorme con la lingua di fuori possono essere tanti e molto diversi tra loro, alcuni innocui e altri decisamente più preoccupanti.

Se abbiamo un micio con una normale conformazione del muso potrebbe trattarsi di una semplice conseguenza del relax. È tranquillo e anche i suoi muscoli facciali lo sono, perciò la lingua esce dalla bocca.

Può trattarsi anche di un problema dei denti, specialmente nei casi in cui il padroncino non bada troppo all’igiene orale del micio.

O ancora potrebbe avere qualcosa incastrato tra i denti, nel palato o peggio in gola che gli impedisce di respirare bene.

In ogni caso se questo comportamento è sporadico non c’è da preoccuparsi, ma se diventa un’abitudine è probabile che ci sia un problema di salute che dobbiamo risolvere. Per cui portiamo il gatto subito dal veterinario per capire di che si tratta e procedere con una terapia adeguata.