Kohona, foto e immagini di questa bellissima razza di gatti

Che cosa ci raccontano le foto riguardo il Kohona? Ecco qualche immagine che lo ritrae in momenti di quotidianità.

gatto no peli

Cosa ci raccontano le immagini? Esaminare le foto di un Kohona può aiutarci a conoscerlo meglio? Quali sono i dettagli che dobbiamo prendere in considerazione per capire com’è fatto questo felino? Ecco qualche informazione che può aiutarci a scoprire qualcosa su di lui.

Kohona: immagini e foto

gatto no pelo

Quali sono le informazioni principali che dobbiamo tenere presente quando parliamo di Kohona? Chi è questo felino? Cosa possiamo dedurre dalle foto che lo ritraggono?

Sicuramente le immagini ci permettono di capire alcune caratteristiche essenziali del Kohona, quelle che più lo inquadrano e lo individuano. Vediamo le informazioni principali che ci aiutano a prenderci cura al meglio di lui.

Innanzitutto, c’è un elemento che di certo non può non essere sottovalutato: il pelo, o meglio l’assenza di pelo. Peculiarità essenziale del Kohona, infatti, è proprio quella di avere la pelle completamente nuda, esposta quindi a tutti i mille pericoli esterni che questo comporta.

Già da questo elemento possiamo dedurre un aspetto importantissimo: il Kohona è un gatto super sensibile e delicato, che deve essere trattato con tanta cura e devozione.

La pelle nuda deriva probabilmente da una mutazione genetica subita nel corso della sua evoluzione che ha portato allo sviluppo di un corpo così sensibile.

Come prendersi cura di lui

gatto con pelle nuda

Il fattore “assenza di pelo” determina una particolare delicatezza della pelle, ma più in generale dell’organismo intero del Kohona. Infatti, noi dobbiamo metterci in testa che la salute di un gatto “nudo” è messa a repentaglio facilmente dall’ambiente esterno.

Non avendo il pelo che scalda il nostro piccolo amico a 4 zampe, i disagi che possono colpire il suo benessere sono molti di più e molto più frequenti. Infatti, il Kohona soffre tantissimo le basse temperature, dato che nessuna peluria provvede a mettere in sicurezza o a scaldare il suo corpo.

È facilmente soggetto a tosse, febbre o raffreddore. Ecco perché spesso si consiglia di tenere il Kohona sempre lontano da fonti di freddo, finestre o spifferi e di posizionare le sue cuccette, le ciotole, i giochi vari nei pressi di fonti di calore. Qui lui si sentirà al caldo e starà davvero a suo agio: tale tepore non comprometterà la sua vita.

Attenzione ad un’altra cosa però! Come soffre il freddo, è molto sensibile ai raggi del Sole. Questo perché, come succede alla pelle dell’uomo esposta ai raggi solari senza protezione, la pelle del Kohona può scottarsi o bruciarsi facilmente.

Ecco allora che la soluzione è la seguente: cercare di non farlo stare troppo tempo sotto al Sole cocente, al fine di evitare spiacevoli disagi. Inoltre, si potrebbe sentire il veterinario per capire se ci fosse qualche pomata o crema adatta alla protezione dal Sole.

Altre informazioni

gatto pelle nuda

Questo felino, insomma, è un gatto veramente tanto tanto delicato. Osservare le foto di un Kohona ci fa facilmente capire quanto il suo corpo possa essere soggetto a qualunque tipo di problema.

Al fine di mantenerlo sempre pulito e igienizzato, perciò, è inevitabile fargli il bagno o comunque lavarlo molto più spesso del solito. Anche perché, fra l’altro, la pelle nuda può essere più esposta a infezioni o infiammazioni varie che vanno a colpire direttamente la cute.

C’è anche un ulteriore elemento da sottolineare. Il corpo del Kohona, come si evince bene dalle foto, è ricoperto completamente di rughe. Il fatto che il pelo non è presente rende la sua pelle inevitabilmente “increspata”.

Per questo risulta necessario pulirla ogni giorno e fare in modo che sia sempre perfettamente in salute. Passare delicatamente un panno morbido nelle mille pieghe della pelle è quello che ci vuole per mantenere la condizione generale di benessere del nostro Kohona.

Insomma, decidere di adottare un gatto come il Kohona non è una scelta facile: dobbiamo metterci ben chiaro in testa che questo implica avere tanto tempo da dedicargli non soltanto per la cura del suo corpo ma anche per andare incontro alle sue esigenze.

Il felino, infatti, è ben propenso all’amicizia e al rapporto stretto con i suoi padroncini umani e coinquilini animali a 4 zampe, purché trovi sempre compagnia e disponibilità. Odia stare solo, quindi è bene trascorrere gran parte delle nostre giornate insieme a lui.