Gatto anziano: come facilitargli la vita

Lo ami profondamente, è il tuo compagno di vita da tanto tempo: ecco perché oggi parliamo del gatto anziano e di come facilitargli la vita

gatto-anziano

I gatti hanno una vita particolarmente lunga: possono vivere fino a 18 anni e, a volte, anche superare i 20. Se il tuo Micio ha superato i 12 anni però deve essere trattato come un nonnino: per questo oggi parliamo del gatto anziano e di come facilitargli la vita.

Ricordati infatti che anche se per te sarà sempre un cucciolo, il tuo gatto deve ricevere la migliore assistenza quando si trova nella delicata fase della vecchiaia.

Nutrire il gatto anziano

A prima vista, i gatti anziani possono sembrare molto attivi e fanno pensare di non aver bisogno di cure eccessive, ma non è così. Le loro ossa, i muscoli e gli organi lavorano più lentamente e iniziano a soffrire con l’avanzare del tempo. Per questo l’alimentazione gioca un ruolo essenziale.

Una dieta ipocalorica è la più consigliata per evitare l’inappetenza e tutte le relative problematiche. Si tratta infatti di un’alimentazione adatta ai gatti che fanno poco movimento e che tendono a prendere pericolosamente peso.

Considera che un gatto anziano sovrappeso ha un’aspettativa di vita più breve: aiutalo a mantenere una corpo sano e assicurati che mangi e beva regolarmente, senza eccessi.

Giocare con un gatto anziano e coccolarlo

Come abbiamo accennato in precedenza, in questa fase è importante prestare maggiore attenzione al Micio. Assicurarsi che il gatto anziano rimanga sano e attivo è importante perché previene l’apatia e lo stress che possono essere letteralmente mortali.

Giocattoli e sonagli sono perfetti per mantenere attivo il gatto anziano. Allo stesso tempo ricordati che così come devi tenerlo attivo quando è sveglio, devi rispettarlo quando è sonnolento, con coccole, massaggi e grattini.

Quando il gatto diventa anziano è anche buona norma comprargli una cuccia più comoda e accogliente, con un cuscino morbido che non faccia male alle sue ossa.

Affrontare le patologie del gatto anziano

Un’altra cosa di cui devi essere a conoscenza è che quando è che i gatti anziani vanno incontro a diverse patologie che dovrai rispettare e alle quali dovrai abituarti. La prima fra tutte è la cecità: ci sono molti modi per far stare bene un gatto cieco senza che né tu né lui soffriate.

Occhio anche alla sordità: abituati gradualmente a questa condizione e stai attento a non coglierlo di sorpresa, perché potrebbe davvero stare male se si spaventa vedendoti arrivare all’improvviso o sentendo su di sé le tue mani.

Visite periodiche al veterinario

Infine, nella vecchiaia, i problemi di salute diventano più frequenti che in altre fasi della vita. Per questo dovresti portare il gatto anziano dal veterinario almeno due volte all’anno per esami di routine e check up.

Questo faciliterà sia la tua vita che quella di Micio: potrai capire in tempo se ci sono cambiamenti fisici, se è a rischio di tumori o ha problemi di deambulazione. Prevenire è sempre meglio che curare!