Gatto Europeo, salute e benessere: indicazioni utili per curarlo al meglio

Gatto Europeo, salute: cosa sappiamo riguardo lo stato di benessere di questo splendido ed elegante felino? Vediamo insieme le malattie più comuni che colpiscono tale razza e dei consigli utili su come prendersene cura al meglio.

Gatto Europeo: stato di benessere e salute

felino europeo sdraiato

Qual è lo stato di benessere tipico del Gatto Europeo? Cosa ci dobbiamo aspettare quando decidiamo di prendere in casa con noi un felino di questa razza? Sicuramente ci sono delle specifiche cure di cui potremmo preoccuparci per migliorare il suo stato di salute, anche in modo preventivo se possibile.

Il Gatto Europeo, tendenzialmente, ha un’aspettativa di vita che si aggira intorno agli 11-12 anni, ma sono stati riscontrati degli esemplari che hanno vissuto anche per 17-18 anni, qualcuno addirittura 20.

Dunque, dalla longevità tipica della razza si può facilmente dedurre che il Gatto Europeo sia un felino che gode di una salute abbastanza di ferro. È resistente e robusto, adatto a qualunque tipo di situazione e assolutamente in grado di farsi forza grazie alla sua corporatura tonica e muscolosa.

Quello che sappiamo con certezza del suo stato di salute, dunque, è che il suo organismo regge bene qualunque tipo di clima o di ambiente. C’è da fare, però, un piccolo appunto: sembrerebbe che regga meglio le temperature basse che quelle alte.

Dunque, se viviamo in un luogo fin troppo caldo, sarebbe bene creare in casa le condizioni per non fargli soffrire troppo le alte temperature.

Cosa sappiamo ora del Gatto Europeo e della sua salute? Ci sono delle malattie specifiche che colpiscono in particolare tale razza? Ebbene, per quanto a noi piacerebbe pensare che i nostri piccoli amici siano immuni ad ogni “male”, dobbiamo accettare tacitamente l’idea che anche loro possano ammalarsi.

Quello che possiamo fare, invece, per aiutarli a stare meglio è cercare di prevenire, laddove possibile, eventuali patologie o comunque fare in modo, in casa di sviluppo improvviso, di rimediare al meglio.

Obesità

gatto europeo gioca

Il Gatto Europeo è un felino molto goloso, che non sa controllare al meglio i suoi istinti. Fosse per lui, starebbe a mangiare qualunque cosa in qualunque momento, senza riuscire a rendersi conto quando sia il momento di fermarsi.

Oltre alla golosità, quale altra causa può portare all’obesità nel Gatto Europeo? Sicuramente la sterilizzazione o la castrazione, come spesso avviene per qualunque animale che subisce tale operazione.

Soprattutto i maschi ne sono molto colpiti: è bene, allora, a cose fatte, cercare di dare una dieta equilibrata e sana dopo la castrazione.

L’alimentazione buona e di ottima qualità, comunque, è sempre il primo tassello del puzzle da considerare per prendersi cura di qualsiasi animale: da essa dipende lo stato generale di salute del cucciolo.

Inoltre, anche l’età gioca un fattore determinante: più un gatto si invecchia e più tende ad ingrassare. Dunque,  la dieta di un gatto anziano deve essere fatta con ancora più attenzione.

Altro elemento importantissimo è l’attività fisica: il gatto deve assolutamente muoversi, come la sua più intima natura richiede. Soltanto in questo modo, infatti, riuscirà a mantenere un peso forma adeguato e evitare di arrivare all’obesità.

L’aumento della fame, poi, può essere causato da moltissimi altri fattori, come lo stress, la presenza o l’arrivo di altri animali in casa non ben accetti, la depressione, la noia.

Insomma per fare in modo che il nostro gatto abbia tutto quello che serve, è necessario tenerlo sempre sotto controllo e imparare a conoscere ogni sua esigenza. Soltanto così, potremmo favorire il suo benessere fisico e psichico.

Gengivite

gatto europeo attento

Come succede a moltissimi gatti, anche il Gatto Europeo può soffrire di gengivite, una patologia molto comune. In cosa consiste? È un qualsiasi tipo di infiammazione che colpisce le gengive o in generale la bocca del felino.

Come ce ne possiamo accorgere? Notando che le gengive sono di colore strano rispetto al solito, come rossastre, tendenti anche al bianco o al nero; in più, sono spesso gonfie.

Bisogna intervenire in modo tempestivo sulla gengivite perché altrimenti, a lungo andare, tale problema potrebbe portare alla caduta dei denti o conseguenze peggiori che intaccano la salute dell’intera bocca.

Sicuramente ci potremmo accorgere di tale problema quando vediamo che il nostro Gatto Europeo fa fatica a masticare o evita proprio di mettere del cibo sotto ai denti. Evidentemente, questo gli provoca dolore.

Potremmo capire, inoltre, come il nostro felino richieda sempre più cibi liquidi o preferisce comunque mangiare quelli, piuttosto che alimenti secchi o di consistenza più dura. Questi sono tutti campanelli d’allarme.

Altri sintomi sono: alito cattivo, salivazione eccessiva, sanguinamenti gengivali. Fare subito una visita del veterinario ci aiuterà a trovare una soluzione e trattare a dovere il problema.