4 consigli per gestire un gatto persiano

I gatti di questa razza stupenda richiedono alcune accortezze non da poco. Vediamo assieme come gestirli al meglio

Molti sono convinti che la gestione di un amico a quattro zampe felino sia uguale in tutti i casi, indipendentemente dalla razza. Le cose non stanno così e te ne daremo prova oggi, poiché ti parleremo di come gestire al meglio un gatto persiano.

Più precisamente, ti forniremo alcuni consigli preziosi che ti aiuteranno senz’altro nella corretta gestione di un amico felino peloso di questa razza a dir poco stupenda!

Abitualo a farsi spazzolare sin da piccolo

Il pelo lungo di questi amici a quattro zampe felini richiede un sacco di manutenzione. La normale auto-toelettatura che il gatto esegue da sé, infatti, potrebbe non bastare e perciò è necessario spazzolarlo di tanto in tanto. Considerando la non troppa simpatia che i gatti hanno per le spazzole, è importante abituare il felino ad essa sin dalla tenera età!

micio arancione

Mantienigli sempre pulito il naso

Il gatto persiano è brachicefalo, ovvero ha il muso schiacciato (come quello di un Bulldog Francese per intenderci) e pertanto è facilmente esposto a problemi di respirazione che non sempre riesce a gestire. Pertanto, è fondamentale mantenergli il naso sempre pulito, onde evitare ostruzioni che potrebbero rendere difficoltosa la respirazione.

Pulisci gli occhi quando lacrimano

Altro punto abbastanza delicato di questi felini sono gli occhi. A causa della particolare forma del loro viso, i dotti lacrimali (che servono a far defluire la normale secrezione lacrimale negli occhi) sono più schiacciati e perciò potrebbero facilmente causare lacrimazione nel felino. Per questo, oltre al naso, è importante mantenere anche gli occhi sempre puliti.

gatto di profilo

Non saltare mai le visite dal veterinario

I persiani sono predisposti a soffrire di diverse malattie. Pertanto, così come per qualsiasi altro animale domestico, le visite dal veterinario non devono essere mai saltate. Solo grazie ad esse, infatti, si può monitorare il loro stato di salute!

Leggi anche: 4 consigli per aiutare un gattino a prendere sonno

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati