Cuccioli di Ragdoll: carattere, particolarità e come educarli

I cuccioli di Ragdoll sono semplicemente adorabili: ecco qualche consiglio per educarli al meglio e insegnargli fantastici trucchetti

gattino di razza ragdoll

Piccole e morbide nuvolette di pelo dallo sguardo semplicemente celestiale, i cuccioli di Ragdoll sono la scelta perfetta per chi vuole adottare dei gattini belli esteticamente e al contempo dal carattere eccezionale.

Il Ragdoll è un gatto molto particolare dall’aspetto elegante e raffinato ma ciò che lo rende davvero speciale è il temperamento affabile, docile e obbediente.

Sembra strano dirlo a proposito di un micio, dato che sappiamo bene quanto spesso sia difficile educare i nostri amati felini così indipendenti e testardi.

Con i cuccioli di Ragdoll si apre un mondo magico fatto di bellezza ma soprattutto di tanto tanto amore. Non è un caso che la parola che definisce questa razza felina in inglese significhi “bambola di pezza”.

I gatti Ragdoll sono in effetti tra i felini domestici più docili che esistano, amano le coccole e le attenzioni delle persone e da queste si lascerebbero fare davvero di tutto!

Cerchiamo allora di scoprire più da vicino quanto siano meravigliosi i cuccioli di Ragdoll e cosa dobbiamo sapere a proposito del loro carattere e della loro educazione.

Cuccioli di Ragdoll: carattere e temperamento

gattini di razza ragdoll

Prima di adottare dei cuccioli di Ragdoll, come di qualsiasi altra razza, è giusto conoscerne le caratteristiche. Solo una conoscenza approfondita ci consente di rispondere a tutte le esigenze dei nostri amati felini!

Sul carattere dei gatti ci sono ancora numerosi studi in corso e del resto è inevitabile che sia così.

I gatti hanno quel modo di fare unico nel suo genere che spesso li rende indecifrabili, ma è vero d’altro canto che sono tutti diversi tra loro e sviluppano personalità sempre diverse.

Di certo la razza (quindi il corredo genetico) influisce sul carattere del micio ed è per questo che possiamo tracciare delle linee generali sulle peculiarità degli adorabili cuccioli di Ragdoll.

Quando parliamo di Ragdoll ci riferiamo a un gatto non solo bellissimo nell’aspetto ma anche nel temperamento.

I cuccioli ma anche gli adulti di questa razza sono rinomati per essere come delle adorabili “bamboline” che adorano le coccole e perfino stare tra le braccia dei propri padroncini.

Sono teneri e molto buoni, con un modo di fare sempre tranquillo e affabile e non si sognerebbero mai di essere aggressivi nei confronti delle persone che si prendono cura di loro.

Anche per questo suo temperamento il Ragdoll è considerato perfetto per le famiglie con bambini con i quali si trova a proprio agio e adora giocare o sonnecchiare.

Ragdoll: un gatto che si comporta come un cagnolino

due cuccioli di colore bianco

Curiosando qua e là sul fantastico mondo dei piccoli felini domestici vi sarà certamente capitato di leggere che esistono delle razze di gatti che si comportano da cani e che in maniera del tutto istintiva assumono comportamenti tipici di Fido, piuttosto che di Micio.

Il Ragdoll è proprio una di queste, un gatto non solo tanto affettuoso ma anche estremamente intelligente e facile da addestrare.

Chiunque decida di adottare dei cuccioli di Ragdoll sa che si prepara ad accogliere in casa dei mici devoti al padroncino e affettuosi con ogni singolo membro della famiglia, dagli adulti ai bambini.

Un gatto Ragdoll è il giusto compromesso tra un felino e un cagnolino e non solo perché è sempre molto educato e tranquillo ma anche perché possiamo insegnargli praticamente di tutto!

Per prima cosa parliamo di un micio sempre pronto ad accogliere il padroncino con mille fusa e strusciatine, uno di quelli che vi accoglierà alla porta di casa ogni volta che rientrate dopo aver trascorso del tempo altrove.

Il Ragdoll ama stare con i propri amici umani e glielo dimostra ogni volta che ne ha la possibilità, sempre con tanta infinita dolcezza!

Ma la vera particolarità dei cuccioli di Ragdoll è che si possono educare facilmente e imparano in poco tempo e senza rimostranze di alcun tipo a seguire le regole della casa.

Cuccioli di Ragdoll: come educarli al meglio

gattino di poche settimane

Il fatto che i cuccioli di Ragdoll siano degli adorabili compagni di vita, docili e dall’indole tranquilla e pacifica non significa che possano essere trattati senza riguardo.

Da una parte è vero che sono dei gattini molto intelligenti e non impiegherete molto tempo ad addestrarli a dovere, sia per seguire le regole della casa che per fare tante altre cose che possono tornare utili (come passeggiare al guinzaglio).

Dall’altra, però, proprio per via di questo carattere tanto dolce e tranquillo non possiamo trattarli con troppa aggressività e dobbiamo cercare di essere sempre altrettanto morigerati.

I cuccioli di Ragdoll si impegnano sin da subito a diventare a tutti gli effetti membri della famiglia perciò per loro è estremamente importante sentirsi ben accetti e amati.

Cercano sempre il contatto con le persone e, specialmente nei primi mesi di vita, si servono del gioco per socializzare e fare la loro conoscenza.

Il gioco per tutti i cuccioli è di fondamentale importanza perché mediante questo non solo si divertono ma imparano a conoscere se stessi, il proprio corpo e le proprie capacità ma anche chi gli sta intorno.

Come trattare un Ragdoll nel modo giusto

gattino con la coda grigia

I cuccioli di Ragdoll, come abbiamo visto, sono dotati di un carattere e un’intelligenza tali da renderne semplice l’addestramento e l’educazione.

Quel che dobbiamo tenere a mente, ovviamente, è che la personalità che sviluppano è influenzata non solo dalla genetica ma anche dal vissuto dei primi mesi di vita.

Oltre a ciò, però, la nostra educazione avrà un gran peso sulla loro crescita e il nostro contributo resta fondamentale per farli crescere sani e felici nella nostra casa.

I gatti Ragdoll, più di altre razze feline, sono particolarmente sensibili alla voce del padroncino e per questo motivo non dobbiamo mai e poi mai urlargli addosso e usare toni troppo aggressivi.

Ciò metterebbe a dura prova la loro grande sensibilità e rischieremmo di ritrovarci con dei cuccioli spaventati e ansiosi ogni volta che apriamo bocca. Ai quali, in definitiva, non potremmo insegnare proprio nulla.

I cuccioli di Ragdoll, anzi, fanno molto affidamento sulla voce del padroncino e cercano in questa conforto quando accade qualcosa di spiacevole e che li turba.

Cosa possiamo insegnare ai cuccioli di Ragdoll

gattino che dà la zampa

Per quanto riguarda l’addestramento possiamo insegnargli davvero di tutto! I cuccioli di Ragdoll, ad esempio, imparano in fretta a giocare al riporto per cui possiamo insegnarglielo servendoci di una piccola pallina, proprio come se fossero dei cagnolini!

Educare questi piccoli gattini è più semplice rispetto ai gatti comuni proprio grazie alla loro propensione all’ascolto e all’attenzione che mettono sempre al tono di voce del padroncino.

Anche per questo motivo oltre al riporto possiamo insegnargli molto facilmente a passeggiare con pettorina e guinzaglio.

Naturalmente prima di far uscire un gattino dall’ambiente domestico è necessario che abbia fatto la sverminazione e tutte le vaccinazioni dal veterinario. In strada, al parco o ai giardinetti è facile che possa entrare a contatto con le feci di animali infetti e anche il semplice contatto con esse potrebbe essere fonte di contagio per brutte malattie.

Un’ultima curiosità: sin da cuccioli i Ragdoll vanno d’accordo anche con i cani, perciò potremmo valutare di farli crescere e, perché no, magari portarli al parco tutti insieme!