Perché i gatti amano stare all’interno di spazi molto piccoli?

Tutti i gatti a prescindere da età, razza e dimensioni amano gli spazi piccoli e stretti: ecco il perché di questo strambo comportamento

gatto grigio dentro una scatola

Cassetti, scatole e chi più ne ha più ne metta: i gatti amano gli spazi piccoli e trovano sempre mille nuovi luoghi in cui accoccolarsi.

A volte riescono a trovare dei nascondigli impensabili che soltanto a guardarli fanno venire un attacco di claustrofobia!

Ma è un comportamento del tutto normale che fa sentire Micio a proprio agio, una delle tante piccole stranezze che tanto ce lo fanno adorare.

I gatti, si sa, spesso si comportano in modo proprio strambo e fanno cose ai nostri occhi di umani totalmente inspiegabili. Ma c’è sempre un perché.

Tutti i gatti indistintamente amano gli spazi piccoli a prescindere dalla loro età, taglia o razza senza alcuna eccezione. Provate a lasciare sul pavimento una scatola di cartone e vedrete come il micio non perderà neanche un secondo a entrarci dentro!

Quel che dobbiamo sapere è che non si tratta di qualcosa di negativo, anzi esattamente il contrario.

Il micio ci comunica una sensazione di calma e benessere, non lo fa di certo perché ci odia oppure perché ha un qualche problema comportamentale.

Ma questo comportamento ha delle radici antiche e profonde, tutte da scoprire. Ecco tutta la verità sul perché i gatti amano gli spazi piccoli.

Perché i gatti amano gli spazi piccoli

gatto dentro una scatola di plastica

Tutti i gatti amano gli spazi piccoli e rannicchiarvisi dentro anche quando non sono esattamente adatti alle loro dimensioni.

Chiunque navighi nel web sa che i “meme” sui gatti sono tra i più belli, assurdi e divertenti che si possano trovare e ci sono addirittura dei siti che li raccolgono in massa per soddisfare le richieste dei fan.

E allora spazio a immagini che hanno davvero dell’incredibile con buffissimi gatti che si intrufolano nei posti più impensabili, talmente piccoli che spesso ne restano fuori i rotolini di ciccia.

Ma da cosa nasce questo comportamento così strano (o almeno apparentemente)?

Per noi esseri umani è quasi inconcepibile stare all’interno di spazi così stretti, anzi la prima cosa che ci viene in mente è sentirci imprigionati come se fossimo in gabbia.

Il micio vive questo eterno paradosso: da una parte odia sentirsi imprigionato e costretto a non potersi muovere (ecco perché non ama gli abbracci) ma di contro adora gli spazi più stretti e angusti che riesce a trovare.

Cercano calore

Questi spazi sono i suoi preferiti perché al loro interno si sente al sicuro e coccolato, sta al calduccio e sappiamo bene quanto i gatti adorino il calore!

È il motivo per cui spesso si accoccolano sulle nostre gambe oppure tengono il musetto appiccicato al nostro collo.

Cercano continuamente il nostro calore e, quando non possono farlo, optano per spazi stretti che possano regalargli la stessa piacevole sensazione.

Si nascondono ma controllano la situazione

gatto nascosto sotto al letto

I gatti amano gli spazi piccoli perché qui si sentono protetti, si nascondono da tutti e sanno di essere inattaccabili.

Per istinto cercano un luogo che li protegga dalle intemperie ma anche dalla presenza di eventuali predatori.

Infatti generalmente quando si infilano dentro una scatola di cartone restano sempre con la testa fuori in modo tale da poter controllare la situazione all’esterno e difendersi nel caso in cui ce ne sia bisogno.

Uno dei loro nascondigli preferiti è sotto il letto, un vero cavallo di battaglia per qualsiasi micio cerchi rifugio in casa.

Lì il gatto è completamente coperto e nascosto, si mantiene al calduccio e allo stesso tempo può osservare i movimenti delle persone o degli altri animali che vivono in casa.

Del resto non dobbiamo dimenticare che i felini domestici sono pur sempre dei predatori e in loro questo innato istinto non cessa mai di prendere il sopravvento.

Quindi ogni occasione è buona per mettere a frutto le proprie doti da cacciatore ed è per questo che si rintanano in luoghi da cui possono osservare il mondo che li circonda e prendere le misure per un agguato coi fiocchi!

Per questo motivo gli esperti consigliano sempre di fornire al micio degli accessori che possano aiutarlo in quest’impresa.

Vanno benissimo trasportini, scatole o cucce ma, ancora meglio, alberi tiragraffi con dei piccoli nascondigli incorporati con cui poter sfruttare anche la sua passione per le altezze.

Ma come fanno i gatti a intrufolarsi ovunque

gattino che gioca con una scatola

Abbiamo capito perché tutti i gatti amano gli spazi molto piccoli ma ora sorge spontanea una domanda: come fanno a intrufolarsi senza alcun problema?

La domanda è d’obbligo perché non tutti i gatti sono uguali e spesso capita di vedere gattoni con la pancetta non proprio filiformi che nonostante le dimensioni riescono a raggiungere spazi strettissimi.

I gatti sembrano quasi di gomma e ciò è dovuto alla loro struttura ossea: clavicola, spalle e colonna vertebrale sono incredibilmente elastiche e flessibili!

Praticamente si muovono e si contorcono con gli acrobati del circo e riescono ad attraversare qualsiasi spazio che abbia almeno le dimensioni della loro testa.

Poi c’è un’altra fantastica peculiarità che li distingue e cioè i gatti si servono dei loro baffi (le vibrisse) per calcolare le ampiezze degli spazi che stanno osservando.

Ragionano più o meno così: se lo spazio in cui devono entrare ha l’ampiezza dei loro baffi allora non c’è problema e sicuramente possono attraversarlo.

Diversamente se lo spazio è più stretto rispetto alla lunghezza dei baffi capiscono che non c’è molto da fare e cercano un’entrata più larga.

Ciò vale per i gatti normopeso, quando il micio è leggermente in sovrappeso rischia di fare male i calcoli e restare incastrato senza poter né entrare né uscire. Povero micio!

Conclusioni

gatto arancione persiano dentro una scatola

Tutti i gatti amano gli spazi piccoli e adorano rannicchiarvisi dentro per nascondersi ma anche per stare al calduccio.

I gatti cercano continuamente calore ed è per questo che dovremmo assicurarci di mettergli a disposizione in casa una bella cuccia imbottita in cui accoccolarsi, soprattutto in inverno.

Gli spazi piccoli però non gli danno soltanto calore ma gli forniscono una posizione di sicurezza e “potere” in un certo senso.

Il loro istinto felino li porta a tener sempre d’occhio la situazione e stando in spazi piccoli i gatti hanno la possibilità di osservare tutto ed eventualmente scattare a velocità per sfuggire ai pericoli.

In più per i cuccioli gli spazi molto stretti sono un grande divertimento perché in questi mettono a frutto le proprie doti (ancora in erba) ma allo stesso tempo soddisfano la loro grande curiosità.

Ecco perché tra i giochi per i cuccioli (ma anche i gatti adulti) si consiglia di acquistare tunnel e tubi in cui possano infilarsi e correre.

Se non vogliamo spendere del denaro possiamo affidarci anche ai giocattoli fai da te e in questo caso per ricreare uno spazio stretto basta davvero poco: un cestino di vimini, una scatola di cartone, una busta di carta o di plastica.

Naturalmente dobbiamo assicurarci che qualsiasi gioco sia fatto di materiali che non nuocciono alla salute del micio e che non rischino di soffocarlo.

Per il resto, spazio alla fantasia! State certi che al micio non importa quanto sia bello il gioco che gli abbiamo dato, gli basta che sia esattamente come vuole lui!

Se il gatto ha l’abitudine di intrufolarsi sotto al letto oppure ci sono in casa spazi stretti e angusti che potrebbero rappresentare un pericolo cerchiamo di ovviare al problema.

Chiudiamo sempre la porta della stanza interessata e facciamo in modo che non possa raggiungere questi luoghi, preferendo invece le alternative che gli abbiamo messo a disposizione in casa.