Gatto Abissino: le malattie più comuni

Ecco le malattie più comuni che possono colpire il gatto Abissino. È bene conoscerle per poterle individuare in tempo.

gatto abissino sfondo nero

Il Gatto Abissino ha delle origini abbastanza misteriose, ma si tende a pensare che si sia originato da una serie di incroci tra Burmese, Siamese e Blu di Russia. Questo gatto è considerato sano e ha un’ottima aspettativa di vita se ci si prende cura di lui in modo adeguato. Ecco però le malattie più comuni verso cui è predisposto.

gatto abissino per terra

Insufficienza Renale Cronica

L’Insufficienza Renale Cronica è una condizione che nell’Abissino è ereditaria e può essere trasmessa ai gattini dai loro genitori, ma qualunque gatto può contrarla a prescindere da età e sesso. Sono però gli animali più anziani quelli che la sviluppano più spesso.

Se pensate di prendere un Abissino con voi è importante affidarsi ad allevatori affidabili che effettuano sui loro animali degli screening per una serie di malattie ereditarie, tra cui l’insufficienza renale cronica.

I sintomi di questo disturbo includono:

  • Letargia;
  • Vomito;
  • Diarrea;
  • Sete eccessiva, tendenza a bere da posti insoliti;
  • Minzione eccessiva, dovuta alla maggiore assunzione d’acqua;
  • Lesioni attorno alla bocca e al suo interno;
  • Alito cattivo;
  • Pressione sanguigna elevata.

gatto abissino primo piano

Atrofia della retina

L’atrofia della retina colpisce le cellule dell’occhio responsabili di convertire la luce ricevuta tramite l’occhio in segnali elettrici che vengono trasmessi al cervello. Queste cellule sono chiamate fotorecettori e ve ne sono di due tipi, ognuno con la sua funzione: la distinzione dei colori e la visione notturna e in bianco e nero.

È questo secondo tipo di fotorecettore che viene colpito per primo, e questo impedisce all’Abissino di vedere con poca luce; si tratta di un sintomo precoce che indica che c’è un problema serio in corso. Purtroppo non esiste un trattamento efficace per questa condizione, che quindi provoca la cecità del gatto entro i 3-5 anni di età. Se il gatto ha gli occhi azzurri è possibile notare che diventano di un verde piuttosto spento; spesso è proprio questo il primo segnale che qualcosa non va.

abissino

Ipertiroidismo

Questa è un’altra condizione fin troppo riscontrata nei gatti abissini. Si manifesta quando la tiroide produce una quantità eccessiva di ormoni, causando danni anche gravi all’animale: un eccesso di ormoni provoca uno squilibrio del metabolismo, che lo costringe a bruciare troppa energia troppo velocemente e di conseguenza il gatto non riesce a prendere peso anche mangiando molto.

Fortunatamente questa malattia può essere tenuta sotto controllo con la terapia giusta, e la prognosi per l’Abissino è generalmente molto positiva. Se trattata in tempo può essere debellata, garantendo all’animale una guarigione completa.

Per questo motivo, date un’occhiata ai sintomi più frequenti:

  • Perdita di peso;
  • Aumento dell’appetito (polifagia);
  • Irrequietezza, aumento dell’attività fisica;
  • Tachicardia (battito cardiaco accelerato);
  • Peggioramento evidente delle condizioni del pelo.

abissino su poltrona

Deficit di Piruvato Chinasi

Quando un Abissino soffre di questa malattia i suoi globuli rossi non riescono a sintetizzare l’enzima Piruvato Chinasi come dovrebbero. Questo provoca anemia e altri problemi collegati al sangue. Il deficit di questo enzima causa questi sintomi:

  • Anemia;
  • Debolezza;
  • Perdita di massa muscolare;
  • Gengive troppo chiare;
  • Tachicardia;
  • (In rari casi) ittero.

Si tratta di una condizione ereditaria trasmessa da genitori a cuccioli, che nascono già infetti. L’unico trattamento consiste purtroppo in un trapianto di midollo osseo, che oltre a essere molto costoso può mettere a repentaglio la vita dell’animale.