Devon Rex

Devon Rex
devon rex sdraiato su divano

Esemplare di gatto Devon Rex

Dati generali
Etimologia Il nome ha origine dalla regione d’origine, il Devonshire, la parola “rex” si riferisce da una particolare razza di coniglio e al pelo riccio
Genitori Razza originaria dell’Inghilterra
Presente in natura No
Longevità 12-16 anni
Impieghi Animale da compagnia
Riproduzione
Fecondità Consentito l’accoppiamento solo con altri esemplari della stessa razza

Il Devon rex è una razza di gatto originaria dell’Inghilterra caratterizzata da una folta pelliccia riccia, orecchie molto grandi e un muso molto corto.

Possiede zigomi alti, occhi grandi, zampe lunghe, corpo snello e uno stile di pelo piuttosto inusuale. Come il cugino, Cornish Rex, il Devon Rex è caratterizzato da un pelo riccio, rispetto ad esso però presenta ricci più lenti.

Il Devon rex è spesso paragonato ad un folletto, che nella visione folkloristica comune è visto come malizioso e portatore di guai.

Potete aspettarvi di averlo spesso appollaiato sulle vostre spalle o accucciato accanto a voi o sulle vostre gambe mentre osserva tutto ciò che fate.

Animale capace di fare grandi salti in alto e ama imparare nuovi trucchetti. Per la sua natura giocosa, il Devon Rex è un’ottima scelta per famiglie con bambini più grandi, altri animali o ospiti frequenti.

Potrebbe capitarvi di sentir dire che il Devon Rex sia un gatto ipoallercenico a causa della consistenza del suo pelo, questo però non è vero poiché le allergie non sono causate da un particolare tipo di pelo ma dalle cellule della pelle morta e da una proteina contenuta nella saliva dei gatti.

Scheda informativa del Gatto Devon Rex
Taglia Medio/Piccola
Per bambini Può essere un ottimo compagno di giochi per i bambini che sapranno rispettarlo
Con altri gatti Molto affettuoso con i suoi simili, generalmente
Con cani La loro compagnia è generalmente molto gradita, dando loro il giusto tempo di conoscersi
Anallergico No
Tendenza al sovrappeso Ama mangiare molto e per questo va tenuto sotto controllo questa tendenza
Tendenza a fuggire Quasi assente, preferisce il calore di casa

Origini storiche della razza

Il Devon Rex è riconducibile ad un singolo gatto vissuto nel 1960 in Inghilterra. Il padre della razza Devon, un gatto selvatico dal pelo riccio, viveva attorno ad una miniera abbandonata vicino Buckfastleigh, una piccola cittadina della regione del Devon, nel sud ovest dell’Inghilterra, ai confini con la Cornovaglia, regione natia del Cornish Rex.

Il gatto selvatico dal pelo riccio si incrociò con una gatta calico dal pelo liscio producendo una cucciolata di gattini nel giardino dell’amante di gatti Beryl Cox.

Uno dei gattini di colore marroncino tendente al nero, che Cox chiamò Kirlee, possedeva lo stesso pelo corto e riccio del padre. Inizialmente Cox pensò che il gattino appartenesse alla razza del Cornish Rex per via della vicinanza con la regione natia della razza.

I successivi incroci tra Kirlee e i gatti dell’allevatore di Cornish Rex Brian Stirling-Webb produssero però soltanto cucciolate dal pelo liscio, motivo per il quale Cox e Webb arrivarono alla conclusione che le due razze non fossero in alcun modo collegate.

Oggi si pensa che la madre e il padre di Kirlee fossero in qualche modo imparentati, questo perché il gene del Devon Rex che determina il pelo riccio è recessivo, quindi è necessario che entrambi i genitori ne posseggano una copia per far si che si manifesti nei cuccioli.

La razza prese quindi il nome di Devon Rex. il primo esemplare di Devon Rex fu importato negli Stati uniti nel 1968. Nel 1972, la ACFA (American Cat Fanciers Association) fu la prima associazione ad accettare il Devon Rex per i campionati. Oggi il Devon Rex è accettato per i campionati in Europa dalla GCCF (Governing Council of the Cat Fancy) e dalla FIFe (Fédération Internationale Féline).

Prezzo

Il prezzo di un esemplare di Devon Rex dotato di pedigree può variare tra le 400 e le 800€.

Carattere

Il Devon Rex è un gatto affettuoso che ama accoccolarsi con i propri umani quando è ora di andare a dormire e svegliarli con baci e fusa affettuose la mattina. Inoltre il Devon Rex perde meno pelo rispetto ad altre razze, potete quindi rispondere alle coccole con abbracci senza paura di ritrovarvi ricoperti di pelo.

La poca perdita di pelo e il fascino del suo particolare manto riccio non sono gli unici pregi a renderlo un gatto desiderabile, infatti il Devon Rex è leale, devoto, coraggioso, giocherellone ed intelligente.

Questa razza ha l’abitudine di appollaiarsi sulle spalle dei propri umani e accucciarsi sulle loro gambe qualsiasi cosa stiano facendo. Questo gatto è un giocherellone e non è raro che riporti i giocattoli che vengono lanciati.

Il Devon Rex possiede una spiccata curiosità, per questo ama essere coinvolto in qualsiasi cosa stiate facendo restando costantemente al vostro fianco mentre girate per casa.

Caratteristiche fisiche

Queste le caratteristiche fisiche del Devon Rex, una per una:

Zampe

Le zampe sono lunghe e snelle. La punta delle zampe è piccola e ovale.

Corpo

Il corpo è solido e muscoloso, flessuoso e di media lunghezza. Il petto è ampio, possiede un’ossatura media e delle zampe lunghe, sottili ma forti. Per via delle sue lunghe zampe il corpo si erge alto su di esse. Il peso di un esemplare di Devon Rex può variare a seconda del sesso tra i 2.5 e i 4.5 Kg.

Peso e altezza

Sono variabili che cambiano soprattutto a seconda del sesso dell’esemplare che ci si ritrova di fronte. Di solito le femmine sono più minute e leggere dei maschi. L’altezza, al garrese, si aggira intorno ai 35 centimetri.

Per quanto riguarda il peso, invece, si parla di un range che va dai due ai cinque chili. Le dimensioni da gatto adulto le raggiunge anche dopo il compimento del primo anno di età e può continuare nei mesi successivi.

Testa

La forma della testa del gatto Devon Rex è delineata da una serie di tre distinte curve convesse: bordo esterno dei lobi delle orecchie, zigomi e cuscinetti delle vibrisse. La testa è ampia ma è leggermente più lunga che larga. Il viso possiede zigomi e cuscinetti delle vibrisse pronunciati. La fronte è ricurva indietro su un cranio piatto.

Il muso è corto, ben sviluppato. Mento forte e prominente. Di profilo il mento si allinea verticalmente col naso.

Le orecchie sono grandi e posizionate molto in basso sulla testa, molto larghe alla base, tanto da superare la linea del cranio. La punta delle orecchie è affusolata, il dorso delle orecchie è ben coperto di pelo sottile. Possono presentare un piccolo ciuffetto di pelo in punta.

Gli occhi sono grandi e distanziati, di forma ovale e inclinati verso i bordi esterni delle orecchie. Qualsiasi colore degli occhi è accettato.

Coda

La coda è lunga, sottile ed affusolata, ben ricoperta di pelo corto.

Pelo

Il pelo del Devon Rex ricopre bene il corpo ed è presente con una maggiore densità nella parte posteriore, ai fianchi, coda, zampe, faccia e orecchie. Una minore densità è possibile sulla testa, sul collo, sul petto e sull’addome.

Chiazze prive di pelo rappresentano un difetto nei gattini e sono considerate un difetto ancora peggiore negli adulti. Il pelo è soffice, sottile, pieno di corpo e riccio.

Il manto è corto sul dorso, sui fianchi, nella parte superiore delle zampe e sulla coda. Molto corto sulla testa, orecchie, collo, punta delle zampe, petto e addome.

Colore

Sono permessi tutti i colori di Devon Rex e gli schemi, inclusi il bi-color e il pointed.

Cuccioli

Questo gatto, sin dai primi mesi di vita, mostra il carattere amorevole e dolce che mantiene da adulto. I cuccioli nascono sempre rosa, il colore del pelo sarà visibile più avanti ed è più pallido rispetto a quello di chi ha raggiunto la maturità: si intensifica con il passare del tempo e si stabilizza a circa due anni di vita.

I cuccioli sono adottabili dai tre mesi di età circa in poi, dopo due vaccinazioni e il trattamento con vermifugo, mai senza una visita del veterinario che rilasci il certificato di buona salute.

Salute

Il Devon rex gode genericamente di buona salute ma può essere soggetto a sviluppare alcuni problemi di salute comuni come la Cardiomiopatia Ipertrofica, la lussazione della rotula e una condizione chiamata Miopatia congenita che colpisce la funzionalità dei muscoli.

La Cardiomiopatia Ipertrofica è la forma più comune di malattie vascolari nei gatti e causa l’inspessimento del muscolo cardiaco.

La lussazione rotulea è un problema ereditario in cui la rotula occasionalmente esce fuori posto causando zoppia. Solitamente la rotula si riposiziona autonomamente, ma nei casi più gravi può dislocarsi frequentemente o addirittura in modo permanenente, per questo motivo può essere necessaria una correzione chirurgica.

La Miopatia congenita influisce sulla funzionalità muscolare. Questa malattia provoca la morte quando il gatto non è più in grado di deglutire. Fortunatamente questa malattia è rara.

Indicazioni sull’alimentazione

Come per qualsiasi amico a quattro zampe, bisogna fare attenzione che segua una alimentazione sana e bilanciata, che gli garantisca il giusto apporto di tutti i nutrienti di cui necessita: minerali, vitamine, proteine e fibre. In commercio esistono delle linee di cibi confezionati creati appositamente per rispondere a questa esigenza. Ne esistono alcuni anche per contribuire all’igiene orale.

Il Devon Rex può mangiare elevate quantità di cibo ma, attenzione a eventuali problemi intestinali a cui può essere predisposto. Se le dosi vengono controllate al grammo, non protesterà di certo: si tratta di un felino molto equilibrato in tal senso.

Toelettatura

La cura del manto richiede una spazzola per bambini da usare una volta a settimana, e che si utilizzi anche un panno umido per mantenerlo sempre pulito. Durante i periodi di muta (in autunno e primavera, due volte l’anno) è facile che alcune zone del corpo siano un po’ spelacchiate.

Si tratta di un gatto sensibile alle basse temperature e alla pioggia, motivo per cui è indispensabile che venga protetto dal brutto tempo.

A causa di una produzione eccessiva di cerume, le orecchie tendono a sporcarsi. Ecco allora che diventa importante pulirle regolarmente con dei prodotti creati ad hoc e disponibili in commercio.

Anche il pelo presenta una discreta produzione di sebo: chiediamo al veterinario se è consigliabile ricorrere al bagno con uno shampoo delicato, di quando in quando. Le unghie vanno mantenute corte con apposite forbicine.

Allevamenti

L’Anfi ha riconosciuto ben 17 allevamenti sul territorio nazionale, gli unici ai quali consigliamo di rivolgersi: solo così si avrà la certezza di ricevere informazioni precise e puntuali e che tutta la documentazione sia in ordine. Sul web, infatti, le truffe sono sempre dietro l’angolo.

Ce ne sono quattro in Lombardia, a Urgnano, Segrate e Sesto San Giovanni (due); uno in Emilia Romagna, a Savagnano sul Rubicone; uno in Friuli Venezia Giulia, a Trieste; due in Trentino Alto Adige, a Trento.

Poi ce ne sono due in Veneto, a Sona e Bassano del Grappa; uno in Toscana, a Firenze; due in Piemonte, a Envie e Carmagnola; tre a Roma, nel Lazio; e uno in Campania, a San Tammaro.

Prendersi cura del Devon Rex

Il rapporto con i bambini è straordinario: da entrambe le parti c’è grande curiosità di conoscersi vicendevolmente e voglia di giocare insieme. Se stanno insieme sin dalla tenera età, il loro legame diventerà simbiotico.

Il Devon Rex è socievole anche nei confronti di chi non conosce. Alcuni gli riconoscono anche una capacità terapeutica che incide sull’umore di chiunque.

La convivenza è pacifica anche con gli altri animali, un vantaggio non indifferente di cui però si potrà godere solo attraverso una corretta e precoce socializzazione.

Curiosità

Il Devon Rex è stato paragonato a un folletto o a un elfo; alcuni lo hanno definito anche un alieno: a renderlo così simpatico è la forma delle orecchie e lo sguardo profondo che sembra essere una “finestra sull’anima”.

Chiamato anche “gatto barboncino“, a causa del loro pelo, è molto affettuoso e ama dormire sul letto del proprio padrone. Per fortuna perde meno pelo rispetto alla media, e le lenzuola non rischiano di esserne completamente ricoperte.

Quali sono le migliori crocchette per gatti?

Scoprilo con la nostra guida