Tenia nel gatto: sintomi, cause e cure

La tenia è un parassita piuttosto comune nel gatto. Ecco come avviene il contagio e cosa possiamo fare per curare e prevenire l'infestazione

gatto grigio tigrato

La tenia nel gatto è un parassita intestinale molto diffuso tra i nostri amati felini domestici. Fa parte della classe dei Cestodi ed è riconoscibile per via della sua forma a vermetto, lunga e di colore bianco. Ne esistono due tipologie più frequenti, il Dipylidium canium, che si trasmette attraverso le pulci, e la Taenia taeniaeformis, che si diffonde principalmente attraverso i roditori. Scopriamo allora come possiamo accorgerci della presenza della tenia nel gatto, come si cura questa parassitosi e soprattutto in che modo prevenirla.

Come si trasmette la tenia nel gatto?

gatto disteso sul pavimento

La tenia si trasmette nel gatto mediante l‘ingestione delle uova di questo parassita. Il suo ciclo vitale, infatti, prevede due stadi nel quale dapprima vive in un ospite intermedio e poi finisce nell’intestino del micio, dove si schiudono le uova. Quindi per avere la tenia il gatto deve ingerirne le uova e può farlo in diversi modi. Nel caso del Dipylidium canium le uova sono trasportate dalle pulci, perciò l’infestazione avviene nei gatti che ingeriscono i parassiti leccandosi il pelo. Invece nel caso della Taenia taeniaeformis il gatto deve entrare a contatto con roditori, conigli e altri animali infetti, quindi è un tipo di infestazione più diffusa nelle aree rurali. Esistono anche altri tipi di tenia che il micio può ingerire attraverso la carne di pesce cruda.

Sintomi di questa parassitosi

Quando le uova di tenia si insinuano nell’intestino nel gatto, dopo qualche tempo si schiudono e le larve o vermetti iniziano a crescere. Ecco perché si dice che il gatto ha i vermi, proprio perché questi esserini si sviluppano all’interno dell’organismo infestandolo e provocandogli non pochi problemi. Un chiaro sintomo di tenia nel gatto è la presenza di pezzetti di questi vermetti nelle feci o anche attaccati al pelo sotto la coda. Ovviamente il gatto può anche vomitare le tenie insieme alla saliva, al cibo e ai succhi gastrici. A parte questi sintomi, tutti gli altri non sono poi così evidenti e anzi spesso l’infestazione da tenia nel gatto è asintomatica. È sicuramente più grave nei gattini, che possono prendere i vermi direttamente dalla mamma gatta.

Tra i sintomi della presenza di tenia nel gatto possiamo elencare anche diarrea, letargia e abbattimento, sangue nelle feci e quando l’infestazione è a un livello avanzato si verifica anche una anomala perdita di peso. Inoltre il micio, specialmente se molto piccolo, cambia anche aspetto e il pelo appare opaco e trascurato, effetto della carenza di vitamine e nutrienti a cui è soggetto.

Espulsione della tenia dal gatto

gatto arancione e bianco

Quando ci accorgiamo che il micio vomita o espelle tramite le feci le tenie, dobbiamo portarlo immediatamente dal veterinario. L’unico trattamento possibile è con i cosiddetti farmaci vermifughi, che servono proprio ad agire contro i vermi come le tenie e sono sicuri per il gatto. Il veterinario può somministrare questi farmaci sotto forma di soluzione iniettabile oppure dargli le compresse per via orale.

Il trattamento a base di farmaci vermifughi è l’unico modo per eliminare la tenia dal gatto. Queste medicine agiscono direttamente sull’intruso e se non ci sono molti vermetti li dissolve direttamente nell’intestino. Quando invece il gatto ha molte tenie in circolo, l’espulsione avviene in modo piuttosto evidente tramite le feci. Naturalmente il trattamento deve comprendere anche l’utilizzo di un farmaco antipulci per rimuovere i parassiti che hanno contagiato la tenia al gatto.

La tenia si trasmette all’uomo?

ragazzo che accarezza un gatto

La tenia è un parassita molto comune nel gatto e, come abbiamo visto, ci possiamo accorgere della sua presenza anche solo guardando la cacca di micio. Dal momento che il contagio avviene in modi piuttosto semplici e che non è difficile che un micio possa prendere questi vermi, dobbiamo sempre prevenire ogni possibile infestazione. Farlo non è difficile, bisogna fare ciclicamente un vermifugo e usare regolarmente antipulci e antiparassitari che scongiurino qualsiasi tipo di infestazione. Ciò è per il bene del gatto ma anche per il nostro e della nostra famiglia. Ebbene sì, la tenia presente nel gatto può contagiare l’uomo.

Le uova di tenia sono molto piccole ed è davvero molto semplice entrare a contatto con esse. Basti pensare a quando puliamo la lettiera del gatto e sfioriamo sabbietta ed escrementi. Se lì sono presenti le uova è facile toccarle e se inavvertitamente le ingoiamo è un bel problema. Non si tratta di un contagio molto comune per fortuna, ma non possiamo assolutamente rischiare che accada. E dobbiamo fare moltissima attenzione soprattutto ai bambini, che hanno difese immunitarie più basse e gattonando per terra o toccando il gatto infetto e le sue cose potrebbe facilmente contrarre i parassiti.

Tenia nel gatto, come disinfettare casa

gattino che sale sul divano

Come sempre la prevenzione è un’arma vincente e con i prodotti giusti possiamo evitare che la tenia entri nell’organismo del nostro gatto. Se così non fosse esistono cure validissime e, come tutti i vermi e i parassiti, siamo in grado di sconfiggere la tenia e farla scomparire completamente dal nostro gatto. Ovviamente la cura va seguita alla lettera e dobbiamo somministrare i farmaci al micio con molta attenzione e senza mai saltare un passaggio o una dose.

Ma se da una parte dobbiamo curare Micio, dall’altra per eliminare un’infestazione parassitaria dobbiamo preoccuparci anche dell’ambiente domestico. Le uova di tenia sono piccolissime e con molta facilità possono depositarsi sulle cose del gatto e ovunque egli dorma o si strusci. Non dimentichiamo che le uova di tenia spesso restano attaccate al pelo sotto la coda del gatto, perciò se Micio frequenta tappeti, divani, letti e quant’altro infesta anche la casa.

L’ambiente domestico va pulito e igienizzato nei minimi particolari. Non occorrono particolari prodotti, basta usare quelli che compriamo abitualmente pulendo con molta cura prima di tutto le superfici su cui abitualmente poggia il gatto. Poi, ovviamente, disinfettando per bene lenzuola, cuscini, la cuccia del gatto, coperte e altri eventuali rifugi di Micio. Per questa operazione possiamo aiutarci con un pulitore a vapore che elimina lo sporco a fondo e raggiunge anche i punti e gli angoli più difficili.

Tenia nel gatto: rimedi naturali

Per risolvere il problema della tenia nel gatto l’unica opzione da seguire è portarlo dal veterinario. Deve essere il medico a consigliarci la migliore terapia e i farmaci da dargli per sconfiggere una volta e per tutte l’infestazione. Per i vermi del gatto esistono anche dei rimedi naturali, ma prima di somministrarli al micio rivolgiamoci comunque al veterinario. Molte erbe medicinali, piante e sostanze naturali fanno bene al gatto e hanno molte proprietà benefiche ma devono essere date nel modo giusto e in determinate dosi. Altrimenti rischiamo di far male al micio, anziché guarirlo.

Tra questi rimedi naturali c’è l’aceto di mele, un prodotto benefico e con molte proprietà. Si dovrebbe far fare al micio un giorno di digiuno, mettendogli a disposizione la ciotola con acqua e due cucchiai di aceto di mele. In questo modo l’intestino si depura e i parassiti muoiono.