Impedire a un gatto di chiedere cibo: come farlo per riuscire a educarlo

Impartire l'educazione è di vitale importanza per una convivenza serena. Sapere come impedire a un gatto di chiedere cibo può tornare utile

gatto seduto sulla sedia del tavolo da pranzo

Se il nostro amico a quattro zampe segue una dieta sana ed equilibrata, ma è sempre pronto a mangiare, sapere come impedire a un gatto di chiedere cibo può essere molto importante per fare in modo che la convivenza fili liscia e senza intoppi.

Non si tratta solo di una questione legata alla socializzazione. Le conseguenze dell’obesità nei felini (ma vale per qualsiasi essere vivente), infatti, possono essere anche di una certa entità. Si tratta di una condizione che va evitata come la peste.

Il quadro di insieme

gatto goloso

Dovere impedire a un gatto di chiedere cibo è più frequente di quanto si possa immaginare, si tratta di un problema comune e diffuso, molti proprietari e amici a quattro zampe devono farci i conti ma non sanno in che modo. Ecco perché è meglio cercare di fare un po’ di ordine.

Come sempre, prima di parlare di soluzioni è meglio comprendere le cause. Innanzitutto, dobbiamo avvalerci del supporto specialistico del nostro veterinario di fiducia, che conosce anche eventuali pregressi clinici e caratteristiche di razza utili a farsi un’idea generale; poi non dobbiamo spaventarci dell’eventualità che il nostro amico a quattro zampe muoia di fame: non può succedere se non ricorriamo al fai da te, ma seguiamo il parere di un esperto.

Cause più frequenti

La motivazione principale che spinge Miao a comportarsi in maniera ossessivo-compulsiva quando si tratta di cibo, di solito, è riconducibile al tipo di cibo che abbiamo scelto per lui. Dipende, infatti, soprattutto dal fatto che non assimili le sostanze nutritive di cui ha bisogno. In commercio esistono formule di ogni genere, di scarsa o di ottima qualità, e perfetti per soddisfare qualsiasi esigenza: bisogna optare per quella più idonea al nostro amico a quattro zampe.

Ricordiamoci sempre che l’alimentazione deve essere completa e bilanciata. Ecco perché dobbiamo impedire a un gatto di chiedere cibo. Il felino è prevalentemente carnivoro e necessita in special modo di proteine di origine animale. Secondarie, ma sempre importanti, sono le vitamine, i minerali e le fibre. Qualcosa non va se appare in sovrappeso o particolarmente magro.

La stragrande maggioranza dei gatti necessita di mangiare due volte al giorno, ma non è l’unico fattore determinante soprattutto se scarseggia la qualità. Le proteine devono essere di primissima scelta, in special modo se sono destinate a un gatto giovane che brucia tante energie quotidianamente. Se non consideriamo tutti i fattori in gioco, rischiamo gravi carenze nutrizionali.

Se abbiamo più felini in giro per casa, una soluzione per tenere sotto controllo l’alimentazione di ciascuno è quella di mettere le ciotole in luoghi diversi. Può succedere che Miao o Fido si rubino la pappa a vicenda o che lo faccia Miao II a danno di Miao I e viceversa. L’obiettivo è stroncare sul nascere dinamiche di gelosia o territorialità. A tal proposito potrebbe tornare utile sapere come fare le presentazioni tra gatto adulto e cucciolo di cane e tra gatto adulto e gattino nuovo.

Eventuali disturbi fisici

gatto con occhi chiusi

Dovere impedire a un gatto di chiedere cibo potrebbe significare che nasconde qualche disturbo psicofisico. Non dobbiamo preoccuparci immediatamente, però: quasi tutte le malattie che presentano un sintomo di questo genere non sono gravi e possono essere curate facilmente, se vengono diagnosticate in tempo e non prese sottogamba. Tra le più comuni ci sono:

Se notiamo una fame fuori norma per un tempo prolungato, chiediamo il parere del nostro veterinario di fiducia: meglio un controllo ‘a vuoto’, che sottovalutare sintomi in potenza legati a malattie che vanno arginate prima possibile. A tal proposito potrebbe tornare utile sapere perché un felino è sempre affamato.

Problemi psicologici o noia

gatto che sonnecchia

Gli animali che soffrono di disturbi psicologici possono mettere in atto comportamenti dannosi per la propria salute, tra questi c’è anche la voglia di mangiare più del necessario e il conseguente bisogno di impedire a un gatto di chiedere cibo. Miao, quindi, potrebbe essere affetto da un disturbo dell’alimentazione.

Le ragioni per cui si verificano comportamenti simili non sono ancora molto chiare, ma la terapia viene studiata con l’obiettivo di cambiare l’atteggiamento del quadrupede. Tra i sintomi principali:

  • Miao cerca di rubare la pappa di altri coinquilini a quattro zampe, anche subito aver finito di mangiare;
  • Miagola insistentemente quando vede qualcun altro mangiare o salta sul tavolo per rubare qualche boccone gustoso;
  • Soffia e ringhia mentre distribuiamo la pappa;
  • Ricerca sempre attenzioni;
  • Tenta di ingerire oggetti non commestibili.

Si tratta evidentemente di disturbi che vanno curati e gli effetti modificati. Il veterinario di fiducia ci dirà come fare oppure ci indirizzerà verso uno specialista del settore. Tra le terapie possibili:

  • Passare del tempo e giocare con il gatto;
  • Combattere il disagio legato allo stress;
  • Ignorarlo quando non si comporta bene, premiarlo con un rinforzo positivo quando invece è obbediente;
  • Arricchire l’ambiente con passerelle, tiragraffi e giochi studiati appositamente per lui;
  • Non lasciare cibo in giro per casa, sia che si tratti di alimenti per quadrupedi che per bipedi.

Così dovremmo risolvere il comportamento insano , non si parla di risultati immediati: è necessaria una buona dose di pazienza e un po’ di tempo. Se non otteniamo il risultato sperato, chiamiamo nuovamente lo specialista.

Consigli utili

gatto goloso e impaziente

Se dobbiamo impedire a un gatto di chiedere cibo ci sono delle tecniche apposite. Oltre al tempo, la pazienza e la perseveranza, ecco dei possibili approcci virtuosi:

  • Previa indicazione del veterinario di fiducia, cerchiamo dei cibi di qualità migliore e con il corretto apporto di proteine di origine animale;
  • Se Miao mangia i croccantini, circa due volte alla settimana, inumidiamole con un po’ di brodo fatto in casa privo di sale e cipolla che sono tra i cibi tossici per il suo stomaco sensibile (a tal proposito, potrebbe tornare utile saperne di più sull’alimentazione naturale del gatto);
  • Deve avere sempre la ciotola piena di acqua fresca e pulita così che si mantenga idratato;
  • Quando comincia a chiedere cibo, ignoriamolo. Lasciamo la stanza e chiudiamoci in un’altra. Importante è non mostrare alcun tipo di cedimento è non cedere e non rafforzare il comportamento vizioso;
  • Non pranziamo o ceniamo davanti al gatto, cerchiamo di farlo quando anche lui è impegnato con la propria pappa;
  • Bandito il cibo fuori orario;
  • Cerchiamo di giocare insieme al nostro amato Miao ogni volta che possiamo, se si sentirà meno solo non avrà tempo di concentrarsi su altro (cibo compreso).

Sono tutti rimedi per impedire a un gatto di chiedere cibo, che provi noia, si senta trascurato e riversi sul cibo tutte le proprie frustrazioni. Se non raggiungiamo l’effetto desiderato è meglio contattare una seconda volta lo specialista di fiducia. Bisogna continuare a indagare per capire cosa c’è che non va e come porvi rimedio. Non demordiamo, il benessere del nostro amico a quattro zampe viene al primo posto.