Razze di gatti affettuosi: l’elenco dei felini più dolci e coccoloni in assoluto

Tutti i gatti sanno essere affettuosi ma alcune razze lo sono di più: scopriamole insieme tra fusa, coccole e tanta tenerezza

gatto burmese sul divano

Fusa a gogò e morbide carezze: scopriamo le razze di gatti più affettuosi e coccoloni nel meraviglioso mondo dei piccoli felini domestici.

Adottare un micio non è una cosa da poco ed è importante conoscere bene la razza dell’esemplare di cui ci vogliamo prender cura.

È necessario per diverse ragioni, prima di tutto per conoscere a fondo le cure di cui ha bisogno e gli specifici problemi di salute in cui può incorrere.

Ma serve anche a capire quale sia l’ambiente a lui più adatto ma soprattutto se abbia il carattere e la personalità più congeniali a noi.

gatto siamese sul letto

Ciascun gatto è un mondo a sé e la sua capacità di relazionarsi con l’uomo dipende anche dalle esperienze che ha vissuto nei primi mesi di vita.

Un gattino abituato al contatto con gli esseri umani da adulto non avrà alcun problema a relazionarvisi e a stargli vicino.

Ma non possiamo negare che esistono delle razze di gatti particolarmente affettuosi con l’uomo che non perdono mai occasione per lasciarsi andare a tenerissime effusioni.

Naturalmente qualsiasi elenco in questi casi è puramente indicativo e basato sulle tipicità riscontrate nel carattere di ogni singola razza.

Tutti i gatti sono capaci di donare un amore immenso se sono circondati da persone che si curano di loro e li trattano con rispetto.

Razze di gatti affettuosi: sfatiamo un falso mito

Quando si parla di gatti molti spesso cadono in errore considerandoli degli animali quasi anaffettivi e poco inclini alle effusioni con il padrone.

coccolare il gatto

È chiaro che si tratta del ragionamento di chi si basa esclusivamente su dei preconcetti, primo fra tutti quello che donerebbe al cane il primato di animale domestico più affettuoso.

Non c’è nulla di più sbagliato perché tali affermazioni non corrispondono affatto alla verità.

Come tutti gli animali domestici anche i gatti (le razze come i randagi) possono essere incredibilmente affettuosi o altrettanto diffidenti nei confronti dell’uomo.

E le ragioni sono molteplici perché dipende tutto dal loro vissuto e dall’esperienza dell’uomo e del mondo che hanno accumulato nel tempo.

Il periodo chiave per determinare come si svilupperà la personalità del gatto racchiude i primi mesi di vita, quelli in cui avviene il distacco dalla mamma e inizia la nuova vita nella famiglia umana.

cucciolo che dorme

Il gattino non dovrebbe mai lasciare la sua mamma prima dei tre mesi di vita ed è stato dimostrato che talvolta ciò influenza negativamente il suo sviluppo, anche caratterialmente parlando.

Inoltre consideriamo i casi di gattini abbandonati o che hanno vissuto in condizioni terribili di fame e malattia.

Il gattino è piccolo ma in qualche modo ha memoria delle brutte esperienze vissute e chiunque al suo posto vedrebbe l’umano come un pericolo o un nemico.

Perciò è importante che già dai primi mesi di vita riceva l’amore e il rispetto che merita e di cui ha bisogno.

È l’unico modo per creare un rapporto di fiducia che poi si traduce in vero affetto: così cresceremo dei gatti davvero affettuosi, a prescindere dalle razze.

Gatto Siamese

Al Gatto Siamese spetta di diritto il titolo di “re” delle razze di gatti affettuosi per via del suo carattere davvero coccolone.

gatto siamese a pelo lungo

Chi conosce questi esemplari sa che possono essere spesso fin troppo “invadenti”. Non lascerebbero allontanare il padroncino neanche per un secondo.

Il Siamese è un gatto intelligente e curioso perciò non deve far strano che si lasci coinvolgere in tutte le attività di casa, anche quando non è interpellato.

E se non riceve attenzioni sa come farsi ascoltare con il suo particolare miagolio, grazie al quale comunica con un vero e proprio vocabolario felino fatto di suoni e vocalizzi.

Chiunque decida di adottare un Siamese deve prepararsi non solo a ricevere ma soprattutto a dare tante coccole e attenzioni.

Non è un gatto dal carattere semplice e potrebbe vivere la lontananza del padrone come un abbandono, cadendo tragicamente in depressione.

Un piccolo consiglio: se sappiamo con certezza che gli impegni ci portano lontano da casa per tanto tempo, adottiamo un altro gatto che possa tenere compagni al nostro Siamese.

Ragdoll

Il Ragdoll è “cintura nera di coccole”: tra le razze di gatti più affettuosi che esistano, passerebbe intere giornate a fare le fusa al padroncino.

gatto ragdoll

Adora stare in compagnia delle persone, sia degli adulti che dei bambini, anzi da questi ultimi si farebbe fare proprio di tutto.

Non si scompone mai e non obietta neanche quando lo trattano come un bambolotto, ma attenzione a non esagerare.

Il gatto è un animale e va trattato come tale e i nostri bimbi devono imparare a donargli il giusto rispetto!

Del Ragdoll si potrebbero dire davvero tante cose ma ce ne sono un paio che farebbero sciogliere anche i cuori più duri.

Qualche esempio? Questo micione adora giocare al riporto, vi segue ovunque per casa e in più adora passeggiare al guinzaglio.

Maine Coon

Tra le razze di gatti più affettuosi che esistano il Maine Coon è sicuramente quello di dimensioni più grandi.

gatto di taglia grande

Il piccolo gigante dei felini domestici è socievole e amichevole con tutti, sia grandi che piccini e persino con gli altri animali di casa.

Il Maine Coon segue i suoi amici umano ovunque vadano e gli piace curiosare in tutto quel che fanno.

In più adora fare le fusa, ricevere grattini e carezze e comunica tutto il suo amore con dei sottili trilli e pigolii che non ci aspetteremmo mai da un gatto così imponente!

Burmese

Il Burmese è un micio giocherellone ma soprattutto amante delle coccole. Le persone sono la sua compagnia preferita, spesso anche rispetto agli stessi gatti!

tenere in braccio il gatto

Sono molti i gatti che si affezionano al padrone e agli altri membri della famiglia ma per il Burmese è un po’ diverso.

Il suo rapporto con l’uomo ricorda più quello di un cane, fatto proprio di devozione e lealtà al padrone, per il quale darebbe la vita.

Del resto non ci potremmo aspettare nulla di meno da un diretto “parente” del Siamese, dal quale deriva la razza.

E proprio come il Siamese, anche il gatto Burmese si serve di particolari vocalizzi per comunicare con le persone.

Sphynx

Parlando di razze di gatti affettuosi non possiamo che citare l’amabile e strambo “alieno” del mondo felino: il meraviglioso Sphynx!

Si tratta di un gatto dall’aspetto insolito e particolare con quel corpicino senza pelo, il musetto rugoso e orecchie grandissime.

Lo Sphynx è uno di quei gatti che può trarre facilmente in inganno perché, diciamolo, non ha propriamente uno sguardo amichevole.

Ma è solo apparenza perché gli esemplari di questa razza sono tra i gatti più coccoloni e appiccicosi che possiate trovare.

Lo Sphynx adora le persone con cui convive e soprattutto vuole stare sempre in loro compagnia, in qualsiasi momento.

Diciamo che unisce l’utile al dilettevole: stando a stretto contatto con le persone soddisfa da un lato il suo bisogno di coccole e dall’altro il bisogno di calore, dovuto all’assenza di pelo.

Gatto Sacro di Birmania

Ecco un altro diretto discendente del Siamese: il Gatto Sacro di Birmania, o Birmano, è davvero adorabile.

gatto sacro di birmania

Ha un carattere dolcissimo che si rispecchia appieno nel suo sguardo e se c’è una cosa che adora più di tutte le altre è la compagnia delle persone.

Il Birmano non perde occasione per accovacciarsi sulle gambe del padroncino per fargli le fusa e ricevere tante, tantissime carezze.

Ama le persone al punto che si dimostra molto amichevole e affettuoso persino con gli estranei che entrano in casa.

Insomma, questo gattone dal pelo lungo e morbidissimo è l’ideale per chi voglia accogliere in famiglia un vero e proprio concentrato di amore!

Tonchinese

Con il Tonchinese non parliamo semplicemente di una delle razze di gatti più affettuosi che esistano, ma di un vero e proprio gatto-cane!

musetto dolce del gattino

Sì, avete capito bene: il Tonchinese (che deriva dall’incrocio tra Siamese e Birmano) si comporta come se fosse un cane, più che un gatto.

Corre sempre dietro al padrone e lo segue praticamente ovunque, anche nei posti più imbarazzanti come il bagno.

Adora la compagnia delle persone e soprattutto ama giocare e coccolare i bambini di casa, con i quali va particolarmente d’accordo.

Attenzione però se decidete di adottarne uno: il Tonchinese è un gatto che soffre molto la solitudine e non può essere lasciato da solo per troppo tempo.

Bombay Americano

Il Bombay Americano ha l’aspetto di una pantera in miniatura con quel suo bel mantello nero come la notte.

bombay americano

Ma il suo carattere è davvero sorprendente e anche lui, a dispetto delle apparenze un po’ “selvatiche”, rientra tra le razze di gatti più affettuosi che ci siano.

Questo micio si affeziona indistintamente a tutti i membri della famiglia e non perde mai occasione per stare in loro compagnia e accaparrarsi qualche coccola extra.

È un gatto un po’ esigente da questo punto di vista. Pretende attenzioni praticamente in continuazione miagolando e strusciandosi sulle persone fino a quando non raggiunge l’obiettivo.

Prendiamo nota: il Bombay Americano non va bene per chi non ha tempo né pazienza per godersi coccole e relax con il proprio gatto. Ha bisogno di umani che siano sempre presenti.