Le abitudini dei gatti, spiegate una a una

I gatti sono creature particolari ed abitudinarie, alcuni gesti a volte sono poco comprensibili per l'uomo. Spieghiamo alcune abitudini dei gatti.

Chi vive con un gatto non può fare a meno di notare alcuni comportamenti piuttosto bizzarri che a primo acchitto possono sembrare privi di ogni senso. In realtà ogni gesto compiuto da un gatto ha una spiegazione logica e scientifica. La maggior parte di questi gesti sono legati al loro istinto: vediamo quindi di spiegare nel dettaglio alcune abitudini dei gatti, o perlomeno quelle più comuni dei nostri amici felini.

Perché i gatti attaccano i piccoli oggetti in movimento?

I gatti attaccano le piccole cose che si muovono, è una loro abitudine: sono attirati in maniera particolare dai piccoli oggetti in movimento, basti pensare agli insetti, ai topini, alle palline e, perché no, alle nostre dita dei piedi. Questo accade per via del loro istinto predatorio. I gatti, infatti, visualizzano ogni piccolo oggetto in movimento come preda da cacciare. Per procacciarsi il cibo in natura infatti, i gatti sono più portati a cacciare prede più piccole più volte al giorno.

Perché i gatti tengono particolarmente alla pulizia?

I gatti sono animali pulitissimi, ragion per cui tra le abitudini dei gatti c’è quella di passare buona parte della giornata a leccarsi. Essi inoltre non gradiscono i cattivi odori provenienti dalla loro sabbietta. Perché questo accade? In realtà i gatti tengono alla pulizia non soltanto per una questione igienica, il loro essere così puliti deriva anche dall’istinto di sopravvivenza. Gli odori forti come quello dell’urina, infatti, possono facilmente attirare l’attenzione di altri nemici predatori.

Perché i gatti si infilano in posti strani?

Vi sarà sicuramente capitato di chiedervi perché il vostro gatto ami infilarsi in posti strani come i sacchetti della spesa, cassetti, armadi e piccole insenature tra un mobile e l’altro. Questo comportamento è dovuto alla spiccata curiosità del gatto. Il suo essere curioso lo spinge ad esplorare posti piccoli ed angusti alla ricerca di prede e luoghi da scoprire. I gatti sono infatti abituati, in natura, ad inseguire le prede che tentano di nascondersi, in spazi piccoli e bui.

Perché i gatti amano dormire nei luoghi più strani?

I gatti spesso e volentieri preferiscono addormentarsi in luoghi davvero scomodi ed improbabili piuttosto che nella loro comodissima cuccia. Vi è mai capitato di trovare il vostro gatto sonnecchiare sotto il letto, dentro un cassetto, sopra il frigorifero o dentro una scatola striminzita? I gatti, per dormire, prediligono posti caldi, alti, bui e ben coperti che li fanno sentire al sicuro. Questo è dovuto al loro istinto di sopravvivenza. Infatti i gatti, quando dormono, sono più vulnerabili rispetto al solito, proprio per questo si rifugiano in posti dove eventuali predatori potrebbero difficilmente raggiungerli.

Perché i gatti graffiano i mobili e si strofinano su di essi e sulle persone?

Anche in questo caso l’istinto fa da padrone a questa abitudine. I gatti, istintivamente, marchiano il territorio in svariati modi, tra i quali facendosi le unghie e strusciandosi. Infatti, tra i cuscinetti delle zampe, sul muso e in altri punti del corpo, i gatti hanno delle ghiandole che producono sostanze odorifere che servono per marchiare il territorio e tenere lontano eventuali nemici.

Perché i gatti fanno le fusa?

Le fusa possono comunicare diversi stati d’animo. I gatti fanno le fusa per esprimere la loro felicità ma anche nel tentativo di rilassarsi. Il rilascio di endorfine che viene prodotto con le fusa aiuta l’animale a lenire eventuali dolori o fastidi, proprio per questo i gatti possono fare le fusa quando sono nervosi, malati o doloranti. A sostegno di questa tesi è inoltre provato che le vibrazioni emesse dalle fusa abbiano la stessa frequenza usata in alcune terapie riabilitative (ossia 25-150HZ).

Perché i gatti amano stare in alto?

Infine, tra le abitudini dei gatti più comuni come avrete notato i felini amano arrampicarsi su alberi e mobili e passare il loro tempo osservando l’ambiente circostante dall’alto. Questo comportamento è dovuto alla loro innata curiosità e all’istinto predatorio, e fa sì che si sentano in pieno controllo di tutto ciò che gli accade intorno.