Home Razze di Gatti American Curl

American Curl

American Curl
gatto american curl

Esemplare di American Curl

Dati generali
Etimologia Prende il nome dalla zona d’origine e dalla sua particolarità del pelo riccio sulle orecchie
Genitori Il primo esemplare di questa razza è apparso a Lakewood in California
Presente in natura No
Longevità 13-15 anni
Impieghi Animale da compagnia
Riproduzione
Fecondità La fecondità con esemplari a pelo lungo e a pelo corto della stessa razza

L’American Curl è una razza naturale di gatti di taglia media originaria degli Stati Uniti e dall’aspetto molto particolare, il cui dettaglio più riconoscibile è rappresentato dalle orecchie ripiegate all’indietro da cui trae il suo nome (curl = ricciolo). I gatti di questa razza nascono con le orecchie dritte ma tra i 4 e i 5 giorni di vita esse cominciano ad assumere questa forma, che diventa permanente in diversi gradi di “arricciatura” entro le 16 settimane.

Se l’unicità delle sue orecchie fa di lui un gatto estremamente pregiato e ammirato alle esposizioni feline, le sue qualità caratteriali lo rendono un magnifico animale domestico: estroverso e socievole, sa mostrarsi affettuoso verso la sua famiglia senza essere troppo insistente ed esigere a tutti i costi l’attenzione degli altri. Impara volentieri a giocare al riporto e va molto d’accordo con i bambini. La sua innata curiosità lo porta a osservare attentamente tutto ciò che succede in casa e a indagare su ogni minimo cambiamento.

Scheda informativa dell’American Curl
Taglia Media
Per bambini Ottimo compagno di giochi per i più piccoli ma a patto che gli venga riservato il giusto rispetto
Con altri gatti Va in genere molto d’accordo con i suoi simili, ma è importante una graduale socializzazione
Con cani Con la giusta socializzazione sa rapportarsi molto bene anche con loro
Anallergico No
Tendenza al sovrappeso La tendenza ad ingrassare può essere scongiurata con una giusta alimentazione e regolare esercizio
Tendenza a fuggire Tendenza ad esplorare e fuggire molto alta, vanno quindi prese le giuste precauzioni

Origini storiche della razza

L’American Curl deve la sua caratteristica più distintiva a una mutazione genetica spontanea osservata per la prima volta nei gatti domestici nel 1981.

Due gatti con le orecchie ripiegate all’indietro giunsero sulla soglia di casa dei coniugi Grace e Joe Ruga a Lakewood, in California; uno di loro morì poco dopo ma l’altro, una femmina a pelo lungo, rimase per molto tempo un membro della famiglia e venne chiamata Shulamith.

All’inizio i suoi umani erano più presi dalla sua disposizione docile e fedele e prestarono poca attenzione alla piega singolare delle sue orecchie, che ritenevano un tratto piuttosto comune tra i gatti pur non riuscendo a risalire a quale razza appartenesse Shulamith. A dicembre dello stesso anno la gatta diede alla luce quattro cuccioli, due dei quali avevano le orecchie arricciate.

Il padre, un gatto comune a pelo lungo, non ne era provvisto e nonostante i proprietari non fossero esperti di genetica felina ciò era prova sufficiente per pensare che bastasse un solo genitore con quella caratteristica per trasmetterla anche alla prole. Essa dipendeva infatti da un gene dominante, in assenza del quale non si sarebbe manifestata.

Shulamith ebbe in seguito altri cuccioli da diversi gatti che vivevano nei dintorni e che contribuirono non solo ad aumentare il numero di esemplari di questa razza ma anche la varietà del suo aspetto: pelo corto e pelo semilungo in numerosi colori e pattern.

Due di questi cuccioli entrarono in possesso di un’amica dei Ruga, Nancy Kiefer, che dopo aver letto un articolo sullo Scottish Fold cominciò a pensare che potesse trattarsi di una razza del tutto nuova.

Nel 1983 Shulamith e alcuni dei suoi cuccioli vennero presentati a un’esposizione felina a Palm Springs, la prima di una serie di mostre che contribuirono ad accrescere la popolarità dell’American Curl. Dopo un attento allevamento intensivo atto ad accrescerne la popolazione, la razza venne ufficialmente riconosciuta dalla TICA nel 1985 e dalla CFA nel 1986.

Prezzo

Il prezzo di un American Curl è generalmente dai 500€ in su.

Carattere

L’American Curl ha un carattere che molti appassionati considererebbero ideale per la vita domestica: estremamente affettuoso e giocherellone, mantiene una personalità tipica di un cucciolo anche molto dopo aver raggiunto fisicamente l’età adulta.

Si adatta sorprendentemente bene a cambiamenti, viaggi e situazioni nuove e non si stressa molto facilmente; riesce a trovarsi a suo agio in ogni tipo di casa e in ogni tipo di famiglia, anche quelle numerose e con bambini o che già possiedono animali domestici.

Con i più piccoli è docile e paziente e rappresenta quindi un’ottima scelta per dei genitori che abbiano insegnato ai loro figli a interagire con lui in modo corretto, senza strattonarlo o spaventarlo.

Va d’accordo con altri pets perché raramente si mostra territoriale o competitivo con loro, ma al contrario è bendisposto e rispettoso verso qualunque animale.

È inoltre uno di quei gatti che pur facendo amicizia con tutti i membri della sua famiglia, tende a stringere un rapporto particolarmente stretto e speciale con alcuni di loro, che di solito coincidono con chi si prende più spesso cura di lui. È proprio nei confronti di queste persone che mostrerà più affetto e interesse, seguendole in giro per casa (e a volte anche in bagno) e chiedendo loro lo stesso grado di attenzione, magari sotto forma di giochi o coccole.

Caratteristiche fisiche

Zampe

Le zampe sono di media lunghezza e proporzionate al resto del corpo, e appaiono dritte quando l’aniimale è visto da davanti o da dietro. L’ossatura non è troppo robusta ma nemmeno fine. I cuscinetti delle zampe sono arrotondati e di media grandezza.

Corpo

Il corpo di questo gatto è ben proporzionato (la sua lunghezza equivale a 1,5 volte l’altezza), dalla corporatura snella e dalla muscolatura non troppo pronunciata. È generalmente considerato di taglia media ma può assumere dimensioni molto diverse da un esemplare all’altro. La coda è flessibile, lunga quanto il corpo, più larga alla base e affusolata verso la punta.

Peso e altezza

L’American Curl maschio può arrivare a pesare anche 8 kg, mentre la femmina 5 kg; per quanto riguarda l’altezza, questi gatti risultano alti una volta in mezzo in più rispetto alla spalla.

Testa

La testa è più lunga che larga, senza superfici appiattite ma anzi con contorni arrotondati. Il naso è diritto e di media lunghezza, leggermente sporgente all’altezza di occhi e fronte. Il muso è rotondo e i cuscinetti delle vibrisse non sono troppo pronunciati. Il mento è allineato con naso e labbro superiore.

Gli occhi sono ovaleggianti sulla parte superiore e arrotondati in basso, leggermente inclinati tra la base delle orecchie e la punta del naso; la distanza tra loro equivale alla larghezza di un occhio. Il colore è uniforme e brillante, e generalmente non correlato a quello del manto.

Le orecchie sono di dimensioni abbastanza grandi e in posizione equidistante dai lati e dalla sommità del capo. Sono inoltre dotate di una cartilagine rigida che va dalla base fino a un terzo dell’altezza, oltre la quale si inclinano di circa 90° all’indietro. Di forma sono aperte e più larghe alla base, piegandosi poi delicatamente indietro a formare una curva. Le punte sono rotonde e flessibili.

Coda

La coda dell’American Curl è abbastanza larga, soprattutto alla base e tende a mantenere il suo spessore anche all’estremità. Questa è caratterizzata da un pelo abbastanza folto e inoltre risulta parecchio flessibile e abbastanza affusolata

Pelo

Sia nella versione a pelo corto che a pelo semi-lungo il manto è setoso e aderente al corpo, con sottopelo scarso. Nel longhair è più sottile, con una coda più pelosa, mentre appare più elastico al tatto nello shorthair pur non essendo molto voluminoso.

Colori

Sono ammesse tutte le colorazioni, tutte le combinazioni e tutti i pattern del pelo.

Cuccioli

I cuccioli dell’American Curl sono parecchio vivaci; generalmente tutti i cuccioli lo sono, ma questi risultano più vivaci rispetto ai cuccioli di altre razze. Sono considerati dei veri e propri combina guai e la loro astuzia e furbizia permette loro di pensare e di compiere azioni che alcune volte possono risultare difficili da gestire. Amano tantissimo giocare e sono anche incredibilmente bravi a fare il riporto. Come tutti i gatti soffrono particolarmente il freddo e risultano anche parecchio delicati; necessitano della costante compagnia dei proprio padroni e non amano essere lasciati da soli.

Salute

All’inizio della sua storia, quando questo gatto non era ancora molto conosciuto, sono stati in molti a chiedersi se la forma particolare delle sue orecchie fosse il risultato di un eventuale difetto genetico e se esso potesse, nel tempo, provocare problemi di salute anche gravi.

Ma numerosi studi hanno dimostrato come la mutazione genetica da cui dipende l’arricciamento delle orecchie non abbia altri effetti né sul suo aspetto né tantomeno sulla sua salute.

Inoltre, poiché per molti anni l’American Curl è stato fatto accoppiare esclusivamente con esemplari sprovvisti di un pedigree, questo gatto gode di un patrimonio genetico molto più variegato rispetto ad altre razze, e secondo la CFA è meno esposto al rischio di allergie o difetti congeniti.

Indicazioni sull’alimentazione

Come tutti i gatti, anche questi sono carnivori ed è consigliabile una dieta ricca di proteine e povera di carboidrati per evitare l’insorgenza di alcune malattie che possono presentarsi quando il gatto risulta in sovrappeso.

Toelettatura

L’American Curl, come accennato sia a pelo corto che a pelo lungo, ma non sono dotati di sottopelo. In ogni caso questi gatti perdono poco pelo e due – tre spazzolature alla settimana risultano sufficienti per favorire la muta del pelo.

Bisogna prestare particolare attenzione alla cura dei denti per cercare di prevenire l’accumulo di tartaro che può compromettere la corretta funzionalità dentale. Infine particolare attenzione deve essere data alla pulizia delle orecchie ed è consigliabile tagliare le unghie ogni volta che queste risultano eccessivamente lunghe.

Allevamenti

Secondo il sito Anfi in Italia sono presenti tre allevamenti; due ubicati in Veneto, più precisamente a Padova e il terzo in Lombardia a Buccinasco.

Prendersi cura dell’American Curl

L’American Curl tende ad essere abbastanza tranquillo con i gatti della sua stessa specie; tuttavia non si può dire lo stesso con i gatti che non presentano le orecchie piegate come le sue. Con i bambini risultano parecchio socievoli e sono anche parecchio tranquilli con le persone di tutte le età.

Non sopportano la solitudine e non amano essere lasciati da soli; necessitano inoltre di stare in continuo movimento e di giocare spesso a causa della loro iperattività. È consigliabile comprare loro un tiragraffi e un trespolo per permettere loro di saltare in totale sicurezza ed evitare che possano arrampicarsi sui mobili. Per quanto riguarda invece la lettiera, questa necessita di un terriccio che sia di buona qualità, per permettere al gatto di espletare i propri bisogni senza particolari disagi.

Curiosità

Nel webcomic creato da Chris Onstad nel 2001, dal titolo Achewood, uno dei personaggi, Ray Smuckles è un gatto American Curl.

Curiosità

Nel webcomic creato da Chris Onstad nel 2001, dal titolo Achewood, uno dei personaggi, Ray Smuckles è un gatto American Curl.